Il principe George, primogenito dei Duchi di Cambridge William e Kate Middleton, ha conquistato fan e sudditi con il suo viso simpatico, i sorrisi e i saluti che dedica ai fotografi: il piccolo eredita molte cose da suo padre, oltre l’affabilità, come i capelli biondissimi, il trono britannico e, ora, sembra anche l’essere mancino.

Mentre la maggior parte dei bambini nei primi anni di vita è ambidestra, prende sempre più piede la voce che George, che compirà due anni il 22 luglio prossimo, sia decisamente mancino. Questa attitudine è risultata particolarmente evidente dopo la recente giornata passata dalla famiglia reale a un torneo di polo organizzato per beneficenza. Mentre papà William e lo zio Harry seguivano la gara, infatti, George ha giocato sul prato insieme a Kate, impugnando una mazza giocattolo per il polo con la mano sinistra.

Si ritiene che il principe William sia entusiasta del fatto che suo figlio si stia rivelando un “leftie” come lui. Come fatto sapere al Daily Mail una persona vicina alla famiglia reale:

Il più delle volte il principe George usa la mano sinistra per tenere gli oggetti ed entrambi i genitori lo hanno notato. William poi sembra contento che il figlio abbia ereditato da lui questa caratteristica, perché ha sempre scherzando sul fatto che i mancini siano più intelligenti e Kate pare d’accordo.

In realtà, al di là dello scherzo, secondo due studi recenti, uno inglese e uno irlandese, se i mancini da piccoli hanno qualche defaillances a scuola, da adulti sono persone più ricche e di successo rispetto ai destri. L’University College di Dublino in particolare ha dimostrato che, su un campione di 18mila uomini e donne sui 30 anni, i mancini guadagnano circa il 5% in più all’anno rispetto ai destri.

Galleria di immagini: Le foto del Principe George e della Principessa Charlotte

Del resto, tra i mancini si annoverano personaggi di successo e fascino come Napoleone e Barack Obama, Maradona e Marilyn Monroe ma anche grandi geni come Albert Einstein e Leonardo da Vinci. Nella monarchia inglese, poi, questa sembra una vera e propria tendenza che coinvolge gli omonimi di George: Re Giorgio II, Re Giorgio IV, e il padre della regina Giorgio VI erano mancini.