I reali in tuta da ginnastica? Il mondo sta cambiando e il Principe Harry, il Principe William e Kate Middleton sono gli artefici principali di questo rinnovamento generazionale e proprio per questo sono tra i reali più amati e seguiti al mondo.

Attentissimi alle cause di beneficenza, in particolare per quanto riguarda le malattie mentali, Il Duca e la Duchessa di Cambridge e il Principe Harry si sono sfidati in una corsa in sostegno alla loro campagna per la salute mentale, Heads Together. Il trio si è aggiunto ieri ai 150 corridori che si stavano allenando per la London Marathon al Queen Elizabeth Olympic Park.

Sebbene il Principe William abbia vantato la sua preparazione muscolare prima della gara, dicendo con tono scherzoso: “Oh, guardate i miei muscoli”, è stato il Principe Harry a vincere la corsa di 50 metri contro suo fratello e Kate Middleton. Quest’ultima, che indossava un piumino leggero rosso, leggins neri e scarpe a tennis, è arrivata terza nonostante l’impegno, mentre il Principe William e il fratello minore si sono contesi la gara fino all’ultimo secondo. La corsa si è terminata con un abbraccio da parte del Duca di Cambridge alla moglie.

I profili social di The Heads Together hanno condiviso il video, commentando: “Catherine, William e il Principe Harry si allenano con #TeamHeadsTogether”. Hanno poi condiviso uno scatto del trio mentre stavano correndo. “Una giornata fonte di ispirazione con TRH e #TeamHeadsTogether – quando siamo con #latestaaposto possiamo raggiungere grandi cose! Insieme possiamo eliminare lo stigma per tutte le malattie mentali”.

Catherine, William And Prince Harry training with the #TeamHeadsTogether

Un video pubblicato da Heads Together (@heads_together) in data:

Kate Middleton, il Principe William e il Principe Harry partecipano regolarmente agli eventi di Heads Together, e proprio il secondogenito del Principe Carlo e Lady Diana ha visitato la scorsa settimana il servizio di ambulanza londinese parlando con il personale dell’importanza della condivisione delle esperienze difficili che si incontrano sul lavoro. Parlando della sua esperienza al fronte in Afghanistan, il Principe Harry ha detto: “Atterri e consegni i feriti da un parte e poi vieni chiamato a fare qualcos’altro da un’altra parte. Non scopri mai se la ragazza o il ragazzo sono stati salvati, ed eventualmente quali sono le loro condizioni di guarigione. Io capisco quello che passate e grazie a Dio potete contare l’uno sull’altro”.

Dopo avere ascoltato le storie personali degli operatori sanitari, il Principe Harry ha aggiunto: “Questo dimostra l’importanza di parlare. Per voi ragazzi ogni giorno è diverso, non sapete mai quali situazioni vi troverete davanti”.