La famiglia reale britannica non ha preso molto bene la diffusione delle foto di Kate Middleton in topless, scattate mentre la Duchessa di Cambridge si trovava con il marito in vacanza in Provenza nel 2012. Adesso, il Principe William ha chiesto 1.3 milioni di sterline alla rivista francese Closer che ha pubblicato gli scatti. A formulare la richiesta nella giornata di ieri è stato l’avvocato francese del Duca di Cambridge durante il primo giorno di processo, apertosi in seguito alla denuncia della famiglia reale contro la rivista in questione.

La BBC ha riportato che l’avvocato del Principe William, Jean Veil, ha enfatizzato che “chiederà alla corte di imporre ‘multe significative’ e ‘un grande danno’ alla difesa”, poiché in ballo c’è la reputazione dei reali britannici. Inoltre, il Principe William avrebbe mal digerito l’intrusione nella privacy della moglie anche a causa del trattamento riservato alla madre, Lady Diana, che fino alla morte è stata costantemente perseguita dai paparazzi.

Nella dichiarazione letta in tribunale da Jean Veil e scritta dal Principe William, si dice: nel settembre 2017, mia moglie e io pensavamo di poter andare in Francia per alcuni giorni in una villa che appartiene a un membro della mia famiglia e quindi godere della nostra privacy. Conosciamo la Francia e sappiamo che i francesi, in linea di massima, sono rispettosi della vita privata, inclusa quella dei loro ospiti. Il modo clandestino in cui queste foto sono state scattate è stato particolarmente scioccante per noi in quanto ha violato la nostra privacy”.

La famiglia reale è stata da sempre inseguita dai paparazzi e ognuno di loro è stato trattato come una vera e propria celebrità, tanto che spesso vengono diffuse loro foto molto intime e private. Sicuramente, i membri della famiglia più presi di mira sono state la Principessa Margaret, la sorella della Regina Elisabetta, e la Principessa Diana. Tuttavia, relativamente al caso delle foto di Kate Middleton, il magazine sostiene il proprio diritto a pubblicare le immagini in quanto sono i reali i primi a permettere l’accesso della stampa e fotografi nella loro vita.

Nel 1969 fu la Regina Elisabetta a permettere alla BBC di riprendere la famiglia reale nelle sue abitudini quotidiane per realizzarne un documentario. Secondo molti, questo filmato, in cui la sovrana ed entourage ridono e pranzano insieme, preparano il cibo per il barbeque e cose simili, avrebbe reso i reali alla stregua di persone comuni, tanto che con il senno di poi la stessa Lilybeth non è sicura di aver fatto una giusta mossa.

Il legale di Closer sostiene che i reali hanno esteso l’invito ai media per entrare nelle loro vite. In base a quanto riportato dalla BBC, l’avvocato ha notato che il Principe William e Kate Middleton non sono estranei all’attenzione mediatica e che hanno promosso il loro matrimonio nel 2011 trasmettendolo su tutte le emittenti internazionali. Per questo motivo, le foto “non costituirebbero una violazione della privacy” anzi, “li avrebbero messi in una luce positiva”.

Il Principe William non è il primo reale a richiedere un risarcimento. In passato, la Regina Elisabetta ha denunciato il tabloid The Sun per violazione della privacy e copyright per ben due volte, arrivando in entrambe le occasioni a un patteggiamento, in base al quale la sovrana si è “accontentata” di 200 mila sterline che ha devoluto a una charity. Nel 1993 e nel 1995, la Principessa Diana ha invece ricevuto 500 mila sterline per violazione della confidenzialità dopo essere stata fotografata dal proprietario della struttura mentre era in palestra a esercitarsi. Il giornale che aveva pubblicato le foto dovette pagarle 200 mila sterline di risarcimento oltre al rimborso delle spese legali (pari a 1 milione di sterline), mentre il proprietario della palestra ha versato le altre 300 mila sterline.

Galleria di immagini: Le foto di tutti look di Kate Middleton del 2016

La cifra richiesta dal Principe William è quindi molto più alta, ma resta da vedere quale sarà il risarcimento stabilito dal giudice. Sicuramente, la rivista avrà tenuto conto della possibilità della causa legale quando ha pubblicato le foto, calcolando i probabili danni che la pubblicazione avrebbe potuto provocare (e i benefici). Negli ultimi anni, le multe per casi di violazione di privacy sono state abbassate e si pensa che il danno possa essere calcolato tra i 15 mila e 30 mila euro, una cifra che il magazine non avrebbe problemi a pagare.

Il Principe William ha anche fatto causa al quotidiano francese La Provence, per avere pubblicato foto simili di Kate Middleton; in questo caso, il Principe si attenderebbe un risarcimento di 42mila sterline.