Il mondo può ricominciare a respirare: la primipara reale, Kate Middleton, dopo il ricovero di tre giorni a causa di una leggera iperemesi (per noi comuni mortali semplice nausea mattutina), torna nella sua umile dimora, Kensington Palace.

Sorridente (e ci mancherebbe altro), con le gote rosee, il marito accanto e un mazzo di fiori gialli in mano, la Middleton esce dalla clinica King Edward VII, accenna un saluto ai fotografi, non lascia alcuna dichiarazione (tanto ci pensano autonomamente i tabloid inglesi) e si infila velocemente in macchina. St. James’s Palace fa sapere che dovrà osservare un periodo di “assoluto riposo”.

Niente pulizie, cene cucinate all’ultimo per ospiti improvvisi o camicie da stirare. Come dite? Ah non sono questi gli impegni della futura sovrana d’Inghilterra? Che sbadata, mi correggo: la Duchessa non potrà presenziare agli impegni ufficiali, dovrà annullare tutti i viaggi e gli eventi di beneficenza. Il Principe Willliam sarà costretto ad andare in giro solo soletto, augurandoci che non abbia lo stesso vizietto del padre: allontanare dalla sua famiglia le donne belle e degne di nota che vi si avvicinano.