Kate Middleton è stata avvistata di recente presso la boutique Amaia Kids di Chelsea, a Londra, intenta nello shopping per acquistare nuovi capi da aggiungere al guardaroba dei royal baby. Non è la prima volta che la duchessa di Cambridge si reca da Amaia Kids sia per il principe George che per la principessa Charlotte, in quanto Kate apprezza in particolar modo i set e i vestitini che si possono comprare qui.

La proprietaria del negozio, Amaia Arrieta, ha raccontato a HOLA.com il suo primo incontro con Kate Middleton:

È stato molto divertente perché lei disse “Ho appena avuto un bambino, non sono molto esperta, spero mi possa aiutare”. Di solito viene in boutique da sola, e anche se le si mostra tutta l’offerta delle dimensioni adatte, di solito sa quello che vuole.

La moglie del principe William d’Inghilterra è stata lodata più volte dall’opinione pubblica per la sua preferenza in scelte di guardaroba sofisticate ma dal tempo stesso dal prezzo accessibile, sia per se stessa che per i suoi figli, nonché per la capacità di “riciclare” con classe gli stessi abiti o accessori per occasioni pubbliche diverse.

Galleria di immagini: Le foto del Principe George e della Principessa Charlotte

Nel frattempo, il rapporto annuale pubblicato dalla Clarence House ha rivelato come sempre le spese della famiglia reale, da quelle principe Carlo e della duchessa Camilla a quelle del principe William, della duchessa Kate Middleton e del principe Harry fino al 31 marzo 2015.

Secondo il rapporto, i principi e la duchessa hanno speso 2.965 milioni sterline per le loro attività ufficiali e caritatevoli: la maggior parte delle spese sono sulle spalle del Ducato di Cornovaglia, la tenuta di Charles che ha però anche guadagnato anche 19.845 milioni di sterline lo scorso anno, cifra soggetta al pagamento delle imposte sul reddito.

Nonostante vengano forniti dai reali tutti i dettagli delle spese, la relazione non ha specificato la ripartizione dei fondi, e una fonte dal Palazzo, parlando a People Magazine, ha dichiarato: “Non possiamo identificare le spese, oltre a sapere a chi assegnarle”. Lo scorso anno, invece, la relazione aveva segnalato la spesa esatta di ogni merce, tra cui quelle per il guardaroba di Kate.