Katy Perry si mette a nudo sulla sua infanzia, sulla sua musica, che considera il lato più importante per cui le persone dovrebbero conoscerla, e sul suo matrimonio con Russel Brand, che pare vada a gonfie vele. Katy Perry non ha voluto vendere l’esclusiva delle foto del matrimonio per tutelare la propria privacy, tanto che non ha contemplato neppure l’ipotesi della beneficenza, perché crede ci siano altri modi per farla.

Katy vede la sua carriera come un carciofo, ci sono molti lati di lei e della sua musica che nessuno conosce:

Galleria di immagini: Katy Perry per ghd

“La mia carriera è come un carciofo. C’è un lato di me che la gente non conosce. Non mi importa cosa dice la gente di mio marito, delle mie tette né di altro. L’importante è che comprino i miei dischi e che vengano al mio tour, che comunque sta andando benissimo. Poi il resto è gossip. Di Russell mi fido anche quando ha postato la mia foto su Twitter mentre ero senza trucco e a letto. È la verità, io sono quella durante le prove non è che possiamo essere tutte belle e perfette sempre.”

Katy ha avuto un’infanzia con un’educazione rigida: pare che il solo libro che la madre le leggesse era la Bibbia. Crescendo, però, Katy ha imparato a coesistere con la sua mamma tanto differente, davvero contenta per il successo della figlia.

Katy parla anche del modo di vivere la sua sessualità, che non poteva certo apprendere in un ambiente chiuso e bigotto:

“Quando ero ragazzina ho sempre pensato che se fossi entrata nell’associazione Planned Parenthood (un’associazione che guida al concepimento pianificato, ndr) mi avrebbero bombardata. Alla fine non avevo un’educazione sessuale e ci sono andata lo stesso per farmi spiegare anche l’uso del contraccettivo.”