Giocare poco, ma farlo al massimo. Sembra essere questo il motto della seconda fase agonistica di Kim Clijsters dopo il ritiro del 2007, decisione arrivata forse troppo presto e presa con lo scopo di dedicarsi alla famiglia, che le ha regalato la gioia della maternità con la nascita della piccola Jada Elly.

Ma il richiamo della racchetta era troppo forte ed ecco che, l’anno scorso, la belga aveva deciso di rientrare nel giro, con l’obiettivo di tornare a vincere e, perché no, di riprendersi la vetta della classifica WTA raggiunta in precedenza.

Galleria di immagini: Kim Clijsters

Il rientro le regala la prima soddisfazione agli US Open, dove si prende il lusso di superare le due sorelle Williams e di battere in finale l’attuale numero uno al mondo, la danese Caroline Wozniacki. Ma è nel corso del 2010, però, che Kim Clijsters ritorna alla grande, portando a casa un titolo dello Slam e il Master di fine anno, fino a risalire la china e chiudere la stagione al terzo posto nella classifica WTA, dietro la russa Vera Zvonareva e la già citata Wozniacki, battuta ancora una volta in finale al Masters di Doha.

Il tutto nonostante siano stati relativamente pochi i tornei a cui ha preso parte, divisa com’è tra il ruolo di mamma e quello di tennista professionista. Sono stati infatti 12 i tornei a cui ha partecipato la belga, lasciando l’impressione di essere tornata forte e motivata nonostante i due anni di pausa dall’attività agonistica.

Il tennis ha ritrovato così una delle protagoniste degli ultimi anni, mentre le avversarie sono avvisate. Kim Clijsters è tornata e per il 2011 fa sul serio.