Le sorelle Jill e Karen Sprecher dopo ben nove anni tornano a scrivere e a dirigere un film. Si tratta della loro terza pellicola, dopo “Clockwatchers – Impiegate a tempo determinato”, il quale vinse il premio come Miglior Film al Festival Internazionale Cinema Giovani di Torino del 1997, e “Tredici variazioni sul tema” (2001), che nonostante le attenzioni della critica internazionale ebbe scarso successo ai botteghini in seguito agli attentati dell’11 settembre 2001.

Il nuovo progetto di Jill (regista) e Karen (sceneggiatrice) s’intitola The Convincer e racconta le vicende di un assicuratore impacciato alla ricerca di un raro violino. Portare a termine la missione non sarà un’impresa facile e il povero assicuratore combinerà un pasticcio dietro l’altro.

Pur essendo un film indipendente, le “sorelle Coen” (così sono state ribattezzate negli USA, con chiaro riferimento al sodalizio fra i fratelli Joel ed Ethan Coen) hanno arruolato un trio maschile d’eccezione: Greg Kinnear, candidato all’Oscar come miglior attore non protagonista per “Qualcosa è cambiato” (1997) di James L. Brooks, Alan Arkin(“Gattaca”, “Io e Marley”, “Agente Smart – Casino Totale”) e Billy Crudup (“Big Fish”, “Watchmen”, “Nemico Pubblico”).

Kinnear, che nel corso del 2010 sarà nei cinema con “Green Zone” di Paul Greengrass e “The Last Song” di Julie Anne Robinson, torna a recitare con Arkin dopo Little Miss Sunshine, che al secondo valse nel 2007 il premio Oscar come miglior attore non protagonista.

La pellicola è prodotta da Mary Frances Budig, Christine Kunewa Walker ed Elizabeth Redleaf della Werc Werk Works, compagnia di produzione di pellicole indipendenti nata nel 2008 a Minneapolis, che è anche la location scelta per le riprese di “The Convincer”. La società del Minnesota ha già all’attivo tre pellicole degne di pregio: “Howl”, con James Franco protagonista, che ha aperto il Sundance Film Festival 2010, “The Turin Horse” di Béla Tarr e “Life During Wartime” di Todd Solondz.