Uno dei tanti meriti di Tornatore è stato quello di scoprire una delle migliori attrici venute fuori nell’ultimo periodo, Ksenia Rappoport, salita proprio alla ribalta grazie ad una grande interpretazione nel film del regista “La sconosciuta”; l’interpretazione le è valsa nel 2006 il David di Donatello come migliore attrice protagonista.

L’attrice durante le riprese non conosceva l’italiano, recitava senza comprendere il significato delle parole che pronunciava, questo non fa altro che esaltarne ancora di più la bravura. La Rappoport viene da una lunga gavetta piena di teatro, a San Pietroburgo interpretava Sofocle, Checov, e Goldoni; per poi passare sempre in patria, in televisione e al cinema, dove ha interpretato Maria in “Anna Karenina” insieme ad attori del calibro di Alfred Molina e Sophie Marceau.

L’attrice non ha solo interpretato ruoli drammatici, la Rappoport si è dimostrata anche brillante nell’interpretare la commedia di Veronesi “L’uomo che amava”, ora è al cinema con l’esordio alla regia di Giuseppe Capotondi intitolato “La doppia ora”.

Quest’anno era presente a Venzia come madrina, e ha vinto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile proprio con “La doppia ora” di Capotondi.

Nel 2008 è stata contattata da Nanni Moretti che le ha proposto una partecipazione in uno dei suoi prossimi film mentre tra poco tornerà in Russia dove sarà protagonista in un musical.