La cucina è uno degli ambienti della casa dove è più frequente vedere innovazioni tecnologiche e stilistiche. Designer e architetti sono sempre alla ricerca di nuove soluzioni in grado di stupire il pubblico di possibili acquirenti, mantenendo ai massimi livelli il comfort e la praticità, aspetti fondamentali di mobili ed elettrodomestici.

Ku-b è attualmente solo un prototipo, ma molti dei concetti ad essa applicati potrebbero presto trovare spazio nelle cucine normalmente commercializzate. Il “padre” di Ku-b è il designer di Innova, che con il progetto Atipic House, a cui fa capo anche questo apparato, sperimenta nuove tecnologie e trovate stilistiche alla vita di tutti i giorni.

A prima vista Ku-b appare come un monolite nero con la classica configurazione “ad isola”, pensata per avere libertà di movimento e facile accesso agli strumenti di cui si ha bisogno pur non disponendo di spazi sconfinati.

Aprendo il mobile, o forse è più giusto dire la scultura, si notano subito diversi piani di cottura, superfici finemente illuminate e numerosi computer e monitor in grado di gestire un complesso mediacenter.

Numerosi sono anche i vani nascosti, indispensabili per gestire agevolmente la raccolta differenziata dei rifiuti e per mantenere l’ordine necessario a valorizzare al massimo l’eleganza minimalista, punto di forza del prototipo.