Kurt Cobain ha realizzato un album solista, prima di morire? A sostenere questa tesi sul mai dimenticato cantante dei Nirvana è adesso Eric Erlandson, il chitarrista delle Hole, la band di Courtney Love con cui è tornato a suonare lo scorso weekend per la prima volta da 15 anni a questa parte.

Kurt Cobain, stando alle dichiarazioni dell’ex Hole Eric Erlandson, avrebbe registrato un intero album solista. Un lavoro realizzato all’infuori dei Nirvana, in cui il cantante scomparso 18 anni fa stava esplorando nuove direzioni musicali e che avrebbe potuto essere il suo “White Album”.

Galleria di immagini: Nirvana

Eric Erlandson ha lanciato la clamorosa rivelazione durante un’intervista alla stazione televisiva americana Fuse, in cui il chitarrista paragona il lavoro di Cobain al celebre doppio album dei Beatles:

«Si stava dirigendo in una direzione molto figa. Sarebbe stato il suo “White Album”. Questo è davvero ciò cui andava incontro, un album solista ma realizzato lavorando con differenti persone.»

Quindi, il chitarrista delle Hole di Courtney Love prosegue a parlare del disco solista che Kurt Cobain sembra stesse incidendo:

«Ero davvero eccitato di alcune cose su cui stava lavorando. Ho avuto l’occasione di vederle suonare di fronte a me. Questo è uno dei motivi per cui ero davvero triste quanto è morto. Chi lo sa dove sarebbe potuta andare queste musica?»

Erlandson spera che i demo di queste registrazioni siano stati realizzati, sebbene non dipenda da lui:

«Non ho il controllo di queste cose. Spero solo che qualcosa venga messo insieme. Penso che i fan ne sarebbero felici. Se nessuno sentirà queste canzoni, a eccezione di tipo tre persone, è così che vanno le cose. Ho sentito alcune voci di persone che vorrebbero mettere insieme alcune registrazioni acustiche grezze. C’è anche una cover. Non dirò di cosa si tratta. Non spetta a me. Spero solo che un giorno sarà realizzata per i fan. Spezza davvero il cuore. Non è una cosa sorprendente. È una canzone molto dolce e toccante.»

Fonte: NME