Fare attività fisica durante il ciclo mestruale fa bene o male? Ecco una domanda che molte donne si pongono soprattutto perché i disturbi di quel periodo come mal di testa, mal di pancia, gonfiore e ipersensibilità spingono spesso a chiudersi in casa e a cercare il riposo e la solitudine. Sembra invece che il movimento fisico anche e soprattutto in quei giorni possa essere di aiuto.

=>LEGGI anche: ciclo mestruale e pancia gonfia, come rimediare?

L’attività fisica infatti produce sempre un senso di benessere sia fisico che psicologico per cui anche durante il ciclo mestruale può essere praticata avendo solo qualche piccolo accorgimento come quello di allenarsi ad una intensità minore e qualora si soffrisse di dolori molto acuti soprattutto nel primo e secondo giorno, interrompere gli esercizi.

A parte queste semplici raccomandazioni via libera allo sport anche in quei giorni. Si sa che l’esercizio fisico sviluppa le endorfine che sono delle sostanze chimiche prodotte dal cervello, che hanno poteri analgesici, in grado di alleviare il dolore. Ecco quindi spiegata l’importanza dell’attività fisica anche durante il ciclo mestruale.

=>LEGGI anche: ciclo mestruale, gli esercizi antidolore

Senza dimenticare anche la componente sociale, il fatto di stare in mezzo ad altre persone e di svolgere un allenamento divertente aiuta ad alleviare i disturbi di tipo umorale legati a quel particolare momento delle donne.

Da un punto di vista più strettamente fisico i vantaggi di svolgere una moderata attività fisica sono: il drenaggio dei liquidi con un immediato effetto anti gonfiore, il rafforzamento muscolare ed una maggiore resistenza al dolore e alle contrazioni, diminuzione anche dei sintomi della sindrome premestruale, miglioramento dell’umore e riduzione dello stress.

=>LEGGI anche: ciclo mestruale bloccato, cosa fare

D’altro canto occorre tener presente che una attività fisica troppo intensa durante il ciclo mestruale può portare a dei fastidiosi disturbi come la dismenorrea, ossia perdite e mestruazioni irregolari. Per questo motivo bisogna seguire il proprio corpo e sentire se è il caso o meno di fare sport.

La parola d’ordine è equilibrio, non esistono infatti vere e proprie controindicazioni ma solo il buon senso che suggerisce maggior riposo in caso di ciclo molto doloroso nei primi due giorni e poi una moderata attività fisica come anche solo una passeggiata o una bella nuotata durante il resto del ciclo mestruale.

Fonte: Wellme