V” sarà spalmato in puntate più brevi, in modo da coprire un più ampio periodo? Pare che la ABC sia realmente intenzionata a fare questo con la serie TV sci-fi ispirata ad un celeberrimo telefilm degli anni ’80. La volontà dell’emittente mirerebbe a guadagnare un più vasto pubblico, magari dando respiro alle puntate, che diverrebbero più brevi, ma in numero superiore.

Il presidente della rete Stephen McPherson ha spiegato:

Abbiamo sempre pensato di dividere la serie in capitoli, che non saranno però brevissimi. Siamo stati sopraffatti da esigenze di produzione. Quando ci siamo accorti di queste istanze abbiamo deciso di realizzare i capitoli uno via l’altro. Anche il telefilm originale, in fondo, seguiva questo modello, anche se ci sono delle enormi differenze creative tra il vecchio e il nuovo.

“V” racconta di un’invasione aliena, che sulle prime non viene annunciata né percepita dai terrestri come una minaccia, ma che ben presto si rivelerà in tutta la sua virulenza. La nuova serie si avvale naturalmente delle nuove tecnologie e risulta un po’ meno kitch nei costumi e nel trucco rispetto a quella vecchia, in particolare per quello che riguarda i “visitatori”.