Il 16 marzo 2017 esce in italia il remake in forma live-action di uno dei cartoni Disney più amati, La Bella e la Bestia. La nuova pellicola, che avrà come protagonisti Emma Watson nel ruolo di Belle, Dan Stevens nei panni della Bestia e Luke Evans nelle vesti di Gaston, sembra essere una riproduzione molto fedele del cartone animato del 1991, in quanto i trailer, incluso l’ultimo in italiano, ripropongono tutte le scene che ben conosciamo, tanto da poter fare un vero e proprio parallelismo tra i video promozionali de La Bella e la Bestia 2017 e Beauty and The Beast originale.

Tuttavia, agli occhi attenti degli amanti del cartone animato, che hanno “fuso” le VHS a suon di rivedere la grande storia d’amore, sono emerse alcune differenze tra le due versioni Disney, osservando i trailer. Inoltre, gli stessi attori hanno parlato di alcune licenze creative rispetto alla prima edizione della storia. Volete saperne di più sulle differenze tra cartone animato e live-action? In attesa di vedere la Bella e la Bestia, ecco 7 differenze che abbiamo scovato.

Scena iniziale

Il cartone animato Disney si apre con la presentazione di Belle, assorta nei suoi libri mentre canta e cammina nel piccolo villaggio francese in cui vive e dove tutti la trovano molto graziosa, ma anche molto strana. Ad un certo punto, Belle si siede su una fontana continuando a leggere, ma è circondata da un piccolo gregge di pecore: una le strappa un pezzo di pagina del libro.

Nell’ultimo trailer del film La Bella e la Bestia, invece, si vede Belle/Emma Watson seduta mentre legge un libro aperto sulla stessa identica pagina presente nel cartone, ma questa volta accanto a lei c’è una bambina che le sorride e sembra ascoltarla, mentre mancano le pecore.

Inoltre, grazie a un’ultima clip in cui Emma Watson canta “Bonjour”, abbiamo scorto altre differenze: nel cartone Belle si ferma a parlare con il fornaio, mentre nel film con un certo Monsieur Jean, e al posto dei tanti personaggi del Paese che incontra nella prima versione, nella pellicola appaiono una scolaresca di bambini e delle lavandaie. Nella breve clip non si vede l’ingresso in libreria di Belle. Lo stesso Gaston che parla nello specchio auto-elogiandosi per la sua bellezza, nella versione Disney lo fa cantando, mentre nel trailer del film solamente recitando.

Galleria di immagini: La Bella e la Bestia, le foto del film

Belle è un inventore

Nel cartone animato è Maurice, il padre di Belle, a essere un inventore. Nel film, invece, sarà proprio Belle a fare questo mestiere. È stata Emma Watson a spiegare il perché di tale scelta a Entertainment Weekly. “Non c’erano molte informazioni o dettagli nel film d’animazione all’inizio della storia sul perché Belle non riuscisse a trovarsi bene nel paese, a parte il fatto che le piaceva leggere. E poi, cosa faceva tutto il tempo? Per questo abbiamo creato una storia pregressa per lei, cioè che Belle aveva inventato una sorta di lavatrice così che, invece di fare il bucato, lei poteva starsene seduta a leggere i libri. Abbiamo, quindi, fatto diventare Belle un inventore”.

Maurice fa il costruttore di carillon

Che mestiere fa invece il padre di Belle ne La Bella e la Bestia 2017? Kevin Kline nel ruolo di Maurice produce tanti carillon che possono raccontare la storia a Belle così che lei non abbia bisogno di viaggiare”, ha spiegato il regista del set Katie Spencer. “Suo padre è estremamente protettivo nei suoi confronti perché lei ha perso la mamma. Abbiamo così creato tutti questi carillon che rappresentano diversi Paesi del mondo, in modo tale che Belle possa vedere quello che si sta perdendo”.

Scena in cui Belle cura la Bestia

Confrontando l’ultimo trailer in italiano de La Bella e la Bestia con il cartone del 1991, c’è una scena che sembra differire in particolar modo, ossia quella in cui Belle cura la Bestia. Dopo l’attacco ai lupi, nel cartone animato, Belle cura il braccio ferito della Bestia in sala, mentre lui è seduto su una poltrona. Nonostante il dolore, la Bestia comunque non risparmia battute sarcastiche e cerca di non farsi curare da Belle. Nel trailer del film, invece, si vede Belle che passa una mano sulla fronte della Bestia, disteso nel suo letto con gli occhi chiusi, come se fosse stato ferito molto più gravemente.

Lumière parla a Belle della maledizione del castello

Il punto più controverso del nuovo trailer è in una dichiarazione di Lumière a Belle. “E quando cade l’ultimo petalo che succede?”, chiede la ragazza parlando della rosa che la Bestia custudisce gelosamente, “Il padrone rimarrà una bestia per sempre”, risponde Lumière. Sembra quindi che Belle, nella nuova versione, sappia esplicitamente con anticipo che dietro alla figura della Bestia si nasconde un Principe.

Nel cartone animato, invece, sebbene Belle veda un ritratto del Principe, ponga alcune domande e intuisca che il castello sia stato in qualche modo incantato, non conosce, fino alla fine, la vera identità della Bestia (agli spettatori la storia viene raccontata nell’intro con la voce del narratore esterno). È infatti importante che Belle si innamori della Bestia, nonostante le sue sembianze e pensando che queste siano immutabili, affinché possa considerarsi amore vero e puro e quindi spezzare l’incantesimo. Che questa magia del vero amore venga meno nel film? Speriamo di no e che il trailer sia, da questo punto di vista, ingannevole.

Colonna sonora

La colonna sonora del nuovo film Disney riprende le musiche scritte dal premio Oscar Alan Menken e da Howard Ashman per il cartone animato del 1991, ma con alcune differenze nelle interpretazioni. La canzone più famosa, Beauty and the Beast (Reprise), viene cantata nel remake da Ariana Grande e John Legend, mentre nella versione originale era eseguita da Celine Dion e Paebo Bryson. Tuttavia, Celine Dion e Josh Groban eseguiranno altri brani della colonna sonora che, rispetto a quella originale, avrà anche tre brani in più, scritti dallo stesso Menken insieme all’esperto paroliere vincitore di tre premi Oscar Tim Rice.

Costumi e aspetto di alcuni personaggi

I costumi, seppur riproduzioni piuttosto fedeli di quelli presenti nel cartone animato, presentano comunque delle differenze. Gaston, ad esempio, nella versione animata indossa sempre una giubba rossa a maniche corte che mette in risalto i suoi poderosi muscoli, mentre nel film Luke Evans appare con indosso una giacca lunga e una camicia con i merletti. Anche i vestiti di Belle non ricalcano perfettamente l’originale: in particolar modo, completamente diverso è l’abito che la ragazza indossa quando la Bestia le mostra la biblioteca (nel cartone è verde, qui a fiori), e anche il fantastico abito giallo del ballo nel film ha una diversa forma delle spalline (seppur il vestito sia bellissimo) e Belle/Emma Watson non porta i lunghi guanti indossati invece dalla Belle del cartone animato.

Inoltre, per ovvie ragioni riguardo alla diversa produzione dei due film (il cartone si basa su disegni, il film su creazioni in CGI prendendo spunto dagli attori che li interpretano), alcuni personaggi risultano avere fisionomie diverse se si comparano le due versioni, in particolare la Bestia (secondo alcuni è troppo brutta, secondo altri troppo umana) e Lumière.