Arriva anche l’ok definitivo della Consulta per il quesito referendario legato al nucleare. La decisione è stata presa questa mattina dopo l’esposizione dei legali delle due parti, mentre il giudice Giuseppe Tesauro depositerà le motivazioni in giornata.

Una risposta, quella finale, dopo gli innumerevoli ostacoli posti dal Governo di Silvio Berlusconi, a partire dalla legge Omnibus, al rinvio in Cassazione, fino alla Consulta.

Galleria di immagini: Fukushima kamikaze

Ma a dispetto delle previsioni di Governo, e dei tentativi di invalidare il quesito, la Consulta ha dichiarato di non possedere alcun potere per bloccare un quesito referendario. Lo aveva anticipato ieri il nuovo presidente della Corte costituzionale, Alfonso Quaranta, sostenendo che non avrebbero ammesso interferenze esterne e sostenendo il diritto di espressione dei cittadini.

In aula erano presenti, oltre l’avvocato dello Stato Maurizio Fiorilli in rappresentanza del Governo, il costituzionalista Alessandro Pace per Idv, l’avvocato Gianluigi Pellegrino per il PD, nonché rappresentati legali dell’associazione ambientalista Wwf-Italia e del movimento ecologista Fare Ambiente. Dopo questa decisione finalmente verrà garantita ai cittadini la possibilità di esprimere un proprio diritto e dovere: votare.

Il 12 e 13 giugno la cittadinanza italiana è invitata a informare lo Stato della propria opinione nei confronti dei quattro quesiti referendari, l’obiettivo è quello di raggiungere il quorum come è accaduto in Sardegna attraverso un plebiscito pari 98% dei “sì”.

Lo stesso Presidente della Repubblica ha dichiarato ai giornalisti che, in quanto elettore, farà il suo dovere andando a sua volta votare.

Una possibilità, per i cittadini italiani, di porsi al pari delle decisioni intraprese dalla Germania e dalla Svizzera, e presto anche dalla Francia: abolire il nucleare in favore delle energie rinnovabili. E per impedire la commissione di mini centrali nucleari, come avanzato dalla moratoria introdotta dal Governo.

Per maggiori informazioni riguardo i quattro quesiti vi rimandiamo alla pagina esplicativa e apartitica di Forum Civico.