Un pezzo interessante della storia degli Stati Uniti sarà oggetto di un film TV prodotto dalla HBO. Il network ha acquisito in questi giorni, infatti, i diritti del libro “Guests of the Ayatollah: the Iran hostage crisis, the first battle in America’s war with militant Islam”, scritto da Mark Bowden.

Il volume racconta, dal punto di vista degli ostaggi, la grave crisi che colpì gli USA e l’Iran il 4 novembre 1979, a seguito del sequestro di sessantasei diplomatici americani presso l’ambasciata di Teheran.

Una questione annosa quella di questo sequestro, che sconvolse gli equilibri internazionali dell’epoca, già molto precari. Alcuni studenti radicali islamici presero in ostaggio i diplomatici per 444 giorni. Ben cinquantadue ostaggi restarono prigionieri tra novembre ’79 a gennaio ’81. Gli studenti chiedevano l’estradizione in Iran dello Scià Mohamed Reza Pahlavi, che si trovava negli USA, ma l’estradizione fu negata.

La crisi, tra l’altro, costò la carriera a Jimmy Carter, sconfitto dall’ex attore Ronald Reagan, già governatore della California, alle successive elezioni presidenziali.

La sceneggiatura del film TV sarà affidata al collaudato Andrea Berloff, sceneggiatotore di “World Trade Center” di Oliver Stone, e la produzione toccherà a William Horberg.