Tra qualche settimana sarà Pasqua e sarà impossibile parlare di dieta dimagrante. Ecco perché è necessario cominciare fin da ora a seguire un regime alimentare dietetico per arrivare in perfetta forma alla festività e poi potersi godere quei giorni in cui dolci, colombe e agnelli faranno parte del menu quotidiano.

Ecco dunque una dieta depurativa da seguire per 3 giorni alla settimana per arrivare in forma alla Pasqua. Senza dimenticare alcune regole di base da applicare in tutto il mese che precede questa festività: evitare di mangiare nei fast food durante la pausa pranzo e preferire un’insalata leggera, pane e frutta.

=>LEGGI la dieta dimagrante per tornare in forma dopo una abbuffata

Non comprare colombe e dolci tipici pasquali prima del tempo, al fine di evitare pericolose tentazioni. A cena preferire sempre carne bianca e pesce con verdure a piacere. E soprattutto evitare quasi del tutto i dolci… ci sarà tempo poi per farne il pieno.

Ecco un menu tipo da seguire: a colazione 1 bicchiere di centrifugato di mela, 1 bicchiere di centrifugato di carota e 1 tazza di caffè d’orzo. Per pranzo 1 frutto fresco di stagione e 1 ciotola di verdura condita con 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva e succo di limone.

A cena verdura mista cotta a vapore condita con 1 cucchiaino di olio e succo di limone o aceto e 60 gr. di riso integrale al pomodoro o con verdure fresche miste oppure 60 gr. di risotto con verdura a piacere cucinato senza burro, oppure minestra di verdure con 30 – 40 gr. di riso.

Dopo i 3 giorni di dieta si può mangiare normalmente cercando sempre di limitare i grassi e i condimenti e abbondando con le verdure e la frutta. In questo modo si arriverà alla Pasqua più sgonfie e depurate.

=>LEGGI anche la dieta detox dopo le feste

A quel punto però, per non perdere tutti i benefici acquisiti occorrerà seguire qualche semplice regola. Non eccedere con gli antipasti del pranzo pasquale ma preferire il primo e secondo piatto al quale è difficile rinunciare.

Via libera anche alla colomba e alle uova di cioccolato purché non si esageri con le dosi. Infine nei giorni immediatamente successivi all’abbuffata pasquale, ridurre al minimo le calorie, aumentando il consumo di acqua e liquidi caldi, dal brodo al tè, alle tisane disintossicanti.