Seguire una dieta dimagrante quando si lavora fuori casa e si è costretti a mangiare in ufficio o al bar può essere più difficile, ma seguendo qualche semplice consiglio si potranno ottenere ottimi risultati senza troppe rinunce.

La prima cosa da ricordare è che dalla dieta dimagrante vanno banditi prodotti come quelli spesso presenti nei distributori all’interno degli uffici quindi “no” a patatine, merendine e tutti gli alimenti preconfezionati spesso ricchi di grassi idrogenati e calorie.

Ecco i consigli generali per mantenersi in forma anche quando si mangia fuori: fare una colazione abbondante con yogurt o latte e pane integrale, biscotti integrali o cereali. Fare sempre uno spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio a base di frutta o succhi, evitare salse, condimenti e formaggi stagionati, preferire i cibi integrali e bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno.

Vediamo ora come impostare uno schema settimanale di dieta ipocalorica che preveda un pasto fuori casa, solitamente il pranzo. Se si ha la possibilità di mangiare in un ambiente all’interno del posto di lavoro e quindi portarsi il cibo da casa, scegliere tra un’insalata di verdure miste con tonno e 2 fette di pane integrale o un piatto di pasta condita con sugo di pomodoro semplice o verdure.

Se invece si è obbligate a pranzare al bar optare per un panino integrale con prosciutto crudo e una spremuta d’arancia oppure un trancio di pizza alle verdure o ancora un panino non all’olio con bresaola, scaglie di parmigiano e rughetta e un succo di pompelmo o pane comune con mozzarella pomodoro e origano, o con verdure grigliate e formaggio fresco. A fine pasto è possibile prendere un caffè decaffeinato.

A cena si alternerà tra riso con verdure e salmone stufato con insalata mista, o minestrone di verdure e petto di pollo alla piastra con insalata, pasta con le verdure e pesce a scelta, risotto con gamberetti e vongole, pasta con le zucchine e spinaci lessi, minestrone e patate lesse, pasta all’olio e parmigiano o con i broccoli accompagnate da carote o fagiolini lessi. Per condire i patti sono concessi 15 grammi di olio extravergine di oliva.

Fonte: mangiare sano.