Seguire una dieta non è cosa semplice per tutti, c’è infatti chi non riesce a resistere ai peccati di gola oppure magari soffre di fame nervosa, e mangia perché mangiare riempie la sensazione di vuoto, regala come una piccola coccola che però al contempo dà quei chili in eccesso che poi è davvero difficile far andare via.

È stata ideata dunque una dieta appaga voglie, ideale per coloro che vogliono dimagrire ma che al contempo non riescono a riempire la classica sensazione di vuoto che si ha quando si segue un regime alimentare ipocalorico. A volte il cibo diventa una sorta di rifugio in cui trovare pace, e una sensazione di malessere ci può spingere a cercare consolazione negli alimenti per cui siamo più golosi.

Si tratta di una fame emotiva, così come viene definita: per superarla, magari cerchiamo di annotare su un quaderno l’orario e le motivazioni che ci hanno spinto a mangiare qualche leccornia. Poi, cerchiamo di mangiare piatti in grado di alzare i livelli di serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità”, in grado sia di stabilizzare il nostro umore che di farci sentire quella sensazione di sazietà necessaria quando si segue una dieta.

Una dieta che appaga le voglie prevede un menù vario ed equilibrato, in grado di garantire al nostro organismo un corretto apporto di tutte quelle sostanze necessarie a far funzionare tutto correttamente e a stabilizzare al contempo l’umore. Più nello specifico, carboidrati e proteine hanno un’azione rigenerante che migliora la vitalità nell’individuo e l’efficienza delle funzioni dell’organismo.

Per alzare i livelli di serotonina cerchiamo di mangiare ogni giorno frutti quali ananas, kiwi, banane e prugne, e verdure come melanzane e pomodori. Un bicchiere di vino rosso aiuterà, ma attenzione a non esagerare. Per quanto riguarda i primi piatti, preferiamo la pasta integrale o il riso (come quello basmati), e vanno bene anche le zuppe di verdure, facendo attenzione che sia presente il pomodoro.

Di seguito un esempio di dieta appaga voglie della durata di sette giorni, con cui introdurremo circa 1.200 Kcal al giorno e perderemo in tal modo un paio di chilogrammi in una settimana.

Lunedì

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di centrifugato con kiwi, carota e mela

Pranzo: 70 g di pasta integrale condita con sugo di pomodoro e basilico; verdure al vapore con cavolfiore e broccoli, condite con olio extravergine di oliva e salsa di soia

Merenda: ananas fresco con succo d’arancia o limone

Cena: 1 piatto di minestrone; 1 frittata di 2 uova cotta al forno con fagiolini lessati.

Martedì

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di frullato senza latte, con avocado e banana

Pranzo: pesce al forno; verdure miste stufate (melanzane, carote, zucchine ecc) con qualche oliva e una manciata di pinoli

Merenda: 1 coppetta di frutta al naturale, con kiwi, pera e avocado

Cena: minestra di legumi; melanzane in padella con pomodoro e foglie di menta

Mercoledì

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di centrifugato con kiwi, carota e mela

Pranzo: filetto al pepe verde; belga e radicchio in insalata con 2 noci e 1/2 pera a pezzetti

Merenda: 1 coppetta di frutta mista al naturale con 1 prugna secca, banana e mela

Cena: vellutata di pomodoro e patate con crostini; 80-90 g di gamberetti in insalata con un gambo di sedano, conditi con olio extravergine di oliva e 1 cucchiaino di senape

Giovedì

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di frullato senza latte con avocado e banana

Pranzo: risotto agli asparagi; melanzane al forno con pomodoro e capperi

Merenda: carpaccio d’ananas con succo d’arancia o limone

Cena: insalata mista con 2 0 3 noci; gamberoni al curry

Venerdì

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di centrifugato con kiwi, carota e mela

Pranzo: cruditè di stagione con carote, finocchi e sedano; 3 o 4 involtini di bresaola ripieni di formaggio caprino e trevisana

Merenda: 1 coppetta di frutta al naturale con kiwi, pera e avocado

Cena: passato di verdure; pescatrice al forno con aromi a piacere e 1 patata

Sabato

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di frullato, senza latte con avocado e banana

Pranzo: 70 g di maccheroni conditi con 2 cucchiai di ricotta e 2 gherigli di noci a pezzetti; sformato con zucchine e melanzane gratinate al forno

Merenda: 1 coppetta di frutta mista al naturale con 1 prugna secca, banana e mela

Cena: misto di verdure al vapore; 80 g di prosciutto crudo sgrassato

Domenica

Prima colazione: tè verde; 2 fette di pane tostato con un velo di burro di arachidi; un vasetto di yogurt

Spuntino: 1 bicchiere di centrifugato con kiwi, carota e mela

Pranzo: spinaci in padella con curry; tagliata di tonno al pepe rosa

Merenda: carpaccio d’ananas con succo d’arancia o limone

Cena: 50 g di cous cous cotto in padella con verdure e spezie a piacere; trota al forno con erbe e limone.

Ricordiamoci inoltre di bere tanta acqua, almeno un litro e mezzo o due litri al giorno, e di fare un po’ di attività fisica almeno tre o quattro volte alla settimana.