È possibile fare una dieta senza pane e pasta per raggiungere una perdita di peso velocissima, prestando però attenzione a non seguirla per troppo tempo: ridurre pesantemente i carboidrati nella propria alimentazione significa infatti costringere il corpo a bruciare il grasso e non gli zuccheri, ma al contempo significa sentirsi anche affaticati, senza troppe energie. Meglio dunque provarla per poco tempo, ad esempio una settimana, e sempre chiedendo consiglio al medico.

La dieta senza pane e pasta privilegia infatti i cibi ricchi di proteine e suggerisce di consumare un po’ di carboidrati una sola volta al giorno, ovvero durante la colazione, pasto indispensabile che non bisogna mai saltare. Oltre a ciò, come regole generali si indica di:

  • bere il caffè a colazione o dopo pranzo, non superando in nessun caso le due tazzine al giorno;
  • eliminare cibi confezionati, prodotti da forno, bevande alcoliche e zuccherate (come ad esempio la cola);
  • prediligere metodi di cottura leggeri: al vapore, alla griglia, al cartoccio e al forno;
  • non superare mai i due o tre cucchiaini di olio extravergine di oliva sia nel condimento di verdure e insalata, sia per cucinare gli alimenti;
  • bere almeno 2 litri di acqua al giorno;
  • ridurre il più possibile l’uso del sale in cucina, meglio sostituirlo con le erbe aromatiche che danno gusto e non fanno gonfiare.

Il menu della dieta senza pane e pasta

Vediamo adesso cosa è possibile mangiare a colazione, durante gli spuntini, a pranzo e a cena per fare una dieta senza pane e pasta che funzioni davvero.

A colazione il menu potrebbe prevedere ad esempio un frutto, 2 fette di pan carrè tostato, uno yogurt e un caffè senza zucchero. In alternativa va bene un cornetto vuoto e un cappuccino con latte interamente scremato, o ancora due fette biscottate, due cucchiaini di miele e un caffè senza zucchero.

Spuntini e merenda sono importantissimi perché spezzano la fame e permettono di non arrivare ai pasti principali talmente affamati da abbuffarsi. In questo caso si potrebbe mangiare uno yogurt bianco, oppure un paio di fette di fesa di tacchino, o ancora 100 grammi di fiocchi di latte e un paio di carote crude. In alternativa, va benissimo anche un frutto, come ad esempio un kiwi che aiuta a regolarizzare l’intestino.

A pranzo e a cena, gli alimenti da evitare nella dieta senza pane e pasta sono: pane e pasta (ovviamente), riso, orzo, legumi, patate, cereali, zucchero, caramelle, dolci, aceto balsamico, farro, bevande zuccherate. Gli alimenti da consumare invece liberamente sono carne magra di pollo, di coniglio, di vitello, di cavallo, albume, affettati magri (pollo e fesa di tacchino o bresaola), verdure a foglia verde, tutti i tipi di pesce tranne quelli grassi, zucchine, cavolfiore, cavolo, broccolo e finocchio.

Un esempio di menu da tre giorni

  • Giorno 1

    A colazione: 1 kiwi e un bicchiere d’acqua

    Pranzo: 300 grammi di insalata mista di verdure crude, 2 albumi sodi, 40 grammi di bresaola

    Cena: un’orata al cartoccio, 180 g di melanzane alla piastra

  • Giorno 2

    A colazione: 1 kiwi, un bicchiere d’acqua

    Pranzo: 150 grammi di tagliata di manzo con rucola e poco formaggio grana, radicchio al forno

    Cena: straccetti di tacchino in padella o fetta di pollo alla griglia, insalata di lattuga

  • Giorno 3

    A colazione: 1 kiwi, un bicchiere d’acqua

    Pranzo: insalatona di indivia, valeriana e lattuga, 2 uova sode, carne magra alla griglia o in padella

    Cena: calamari alla griglia, zucchine saltate in padella.