La dieta vegetariana mette di buonumore. A dirlo è uno studio pubblicato su Journal Nutrition 2012, che ha esaminato l’impatto dell’alimentazione sull’umore. Per arrivare a questa conclusione sono state analizzate 39 persone divise in tre gruppi: un gruppo ha seguito una dieta onnivora inclusa di carne e pesce, il secondo ha mangiato il pesce più volte alla settimana limitando la carne e il terzo gruppo ha seguito un dieta vegetariana, senza carne e povera di pesce.

Dopo 15 giorni sono stati eseguiti dei test sui partecipanti per verificare il loro livello di stress e le conseguenze sull’umore. Si è verificato che nessun cambiamento rilevante è intervenuto nel gruppo onnivoro e in quello che ha mangiato pesce mentre chi ha seguito la dieta vegetariana ha constatato un significativo miglioramento nel suo stato d’animo.

=>LEGGI anche: dieta vegetariana equilibrata

Ma esattamente quale tipo di alimentazione può essere definita vegetariana? Prevalentemente è una dieta in cui si limita il consumo di prodotti animali: ci sono i vegetariani in senso più ampio che escludono solo la carne, poi ci sono gli ovo lacto vegetariani che escludono anche il pesce, gli ovo vegetariani che escludono anche il latte e i derivati del latte, i lacto vegetariani che escludono uova, pesce e carne e poi i vegani che si alimentano sono con frutta, verdure e fecole.

A cosa può essere attribuita questa influenza positiva della dieta vegetariana sull’umore? Ad una analisi molto superficiale si potrebbe dire che le colorazioni varie ed intense presenti in frutta e verdura potrebbero immediatamente stimolare in maniera benefica il cervello producendo allegria.

=>LEGGI anche: dieta vegetariana e vegana, pro e contro.

Secondo altri studi effettuati in materia nelle persone più ottimiste le quantità dei carotenoidi di cui sono ricche frutta e verdura sono superiori di una percentuale variabile tra il 3 e il 13% rispetto a quanto riscontrato nelle persone più pessimiste. Non solo, chi mangia tre o più porzioni di frutta e verdura al giorno è risultato più ottimista rispetto a chi se ne garantisce al massimo due.

In conclusione non si è giunti ad una spiegazione univoca e incontrovertibile ma sta di certo che una dieta ricca di frutta e verdura e che limiti il consumo di grassi animali, senza cadere in eccessi ed estremismi, garantisce di sicuro un buono stato di salute che indiscutibilmente si ripercuote in maniera positiva sull’umore.