Qualche settimana fa vi avevamo informato di una curiosa vicenda che ha coinvolto Taylor Lautner, il seguitissimo attore della saga “Twilight”. Seccato per la mancata consegna di un camerino personale da 300.000 dollari per il set di “Abduction”, il giovane ha denunciato la società chiedendo un cospicuo risarcimento.

Brent Mc Mahon, il proprietario della società in questione, aveva simpaticamente sfidato Lautner ad una gara di muscoli. L’obiettivo? Dirimere la disputa legale e raccogliere fondi da donare in beneficenza a un ospedale locale. Le fan desiderose di vedere il bel Taylor a torso nudo per l’ennesima volta, però, rimarranno a bocca asciutta.

L’attore e l’imprenditore, infatti, sono arrivati ad un accordo senza la necessità di mostrare bicipiti e pettorali agli obiettivi di fotografi e cameramen. La decisione deriva dalla complessità della disputa che, in realtà, era assai più articolata di quanto avesse rivelato la star di “Twilight”.

A quanto emerso, Mc Mahon avrebbe correttamente consegnato il vistoso camerino per il set di “Abduction”, fatto inizialmente negato da Lautner, tuttavia non risultavano presenti tutti gli optional richiesti dal giovane. Per questo motivo, Lautner sarà tenuto a pagare il prezzo del curioso camper, mentre Mc Mahon si impegnerà a donare 40.000 dollari all’attore: quest’ultimo li regalerà al Lollipop Theatre Network per la cura dei bambini in difficoltà.

In definitiva, si va a risolvere una situazione che avrebbe potuto rivelarsi particolarmente imbarazzante per il famoso Jacob Black di “Twilight”, non per i muscoli in bella mostra, ma per le sue dichiarazioni volutamente incomplete.