Una ricerca effettuata dall’Università di Miami, in Florida, mostra che una donna leader con la voce mascolina ha più probabilità di avere successo nella carriera lavorativa.

Lo studio, pubblicato dalla rivista medica americana Plos One, mostra che anche gli intervistati di sesso maschile esprimono preferenze verso donne leader con timbro vocale più basso. La situazione, in realtà, interessa anche le corde vocali maschili, che se emettono una voce bassa e tipicamente mascolina incutono più rispetto e leadership.

=> SCOPRI come diventare una donna leader

La cosa curiosa di questo studio è che questa caratteristica di comando è preferita anche verso posizioni tipicamente femminili in ruoli chiave come quelli in ambito scolastico e formativo dell’infanzia. Secondo gli esperti, questa predilezione rientra nel più generale “linguaggio del corpo” che molte volte influenza le scelte in ambito sociale e lavorativo.

Discorso simile avviene anche per la carriera politica, dove sia gli uomini sia le donne sono più inclini a votare candidati con voce profonda, suadente e baritonale (per gli uomini) o da contralto (per le donne). In aggiunta, gli uomini con la voce bassa sono percepiti come più attraenti, fisicamente forti e socialmente dominanti; le donne con voce mascolina non saranno forse sensuali e non fanno venire “pensieri sanguigni” ma sono percepite come socialmente dominanti. Per essere vista come attraente dal punto di vista sessuale, la voce di una donna deve avere le caratteristiche tipiche femminili.

=> LEGGI come usare il linguaggio del corpo per ottenere un lavoro

Ma ritornando ai ruoli tipicamente femminili, gli autori hanno cercato di verificare se tale tipo di voce si adattasse anche a questi lavori. Per questo motivo sono stati interpellati 71 studenti di un college universitario americano ai quali è stato sottoposto un test: dovevano scegliere un ipotetico leader di un comitato scolastico valutando esclusivamente la voce di 10 donne e di 10 uomini. Dietro, però, c’era un piccolo trucco: la voce fatta ascoltare era infatti sempre quella della stessa persona, solo che con la tecnologia era stata leggermente modificata nelle onde sonore in modo da renderla – di volta in volta – più bassa, normale o più alta, con diverse gradazioni intermedie.

=> LEGGI perché le donne manager con più contatti fanno carriera

Il risultato? Nel 75% dei casi è stata scelta la donna con la voce più bassa. Per i candidati maschili, il 60% degli uomini ha scelto il personaggio con voce più bassa mentre le donne hanno mostrato di essere sostanzialmente indifferenti al timbro di voce dell’altro sesso.

Fonte: Plos One