La storia della famiglia italiana vista attraverso i protagonisti del cinema nostrano. Sessanta scatti dedicati ai più amati film che parlano di figli, genitori, matrimonio, raccolti a Milano in una mostra a Palazzo Reale aperta al pubblico dal 2 marzo al 1 aprile.

Attraverso i fotogrammi tratti dalle pellicole italiane più amate di ieri e di oggi, si ripercorre il cammino della famiglia rivivendone tutti i cambiamenti dagli anni dieci fino al mondo contemporaneo. La mostra è promossa dal Comune di Milano in collaborazione con la Fondazione Milano Famiglie 2012, realizzata grazie all’impegno della Fondazione Ente dello Spettacolo e del Centro Sperimentale di Cinematografia.

«La famiglia è la prima cellula della società, all’interno della quale si intrecciano le prime relazioni, dalla quale si parte alla scoperta del mondo, dove si sperimenta un amore che avvolge come dono inaspettato.»

Così commenta l’iniziativa monsignore Erminio De Scalzi, presidente della fondazione Milano Famiglie 2012: i capolavori cinematografici offrono lo spunto per una profonda riflessione che riguarda le tematiche più vicine alla famiglia, vista come un’istituzione irrinunciabile ma in continuo cambiamento.

Ecco che, quindi, l’esposizione parla di unioni civili, drammi familiari, tradimenti, divorzi, educazione, rapporto madre-figlia, povertà, attraverso pellicole come “Assunta Spina”e “Piccolo mondo antico”, ma anche “Bellissima” e film più recenti come ” e “Anche libero va bene”.

A fare da narratori saranno quindi alcuni dei volti più amati del grande schermo, dal Sofia Loren a Anna Magnani, Alberto Sordi, Nino Manfredi, ma anche Stefano Accorsi e Cesare Cremonini protagonisti del cinema contemporaneo.

Un percorso visivo che si inserisce nell’ambito delle celebrazioni della famiglia che avranno luogo, sempre nel capoluogo lombardo, dal 30 maggio al 3 giugno 2012.