Francesca Vecchioni, figlia ddel cantautore Roberto, ha deciso di fare coming out, 37 anni, ha una compagna da qualche anno ed ha deciso di raccontare della sua bellissima famiglia, alla quale si sono aggiunte due bambine. Una famiglia normale, come tante altre. Ha voluto rendere pubblica la sua felicità, come segno di incoraggiamento ad altre persone che, come lei, vogliono vivere la loro sessualità liberamente, senza pregiudizi.

Intervistata dal settimanale Oggi, Francesca Vecchioni, vuole battersi per i diritti degli omosessuali e, sottolinea, non è una malattia, nè una devianza. La tutela dei diritti è fondamentale:

È assurdo che, per esempio, nel caso io venissi a mancare, la mia compagna per la legge italiana sarebbe una perfetta estranea rispetto alle bambine, le quali sarebbero le prime vittime di una situazione ingiusta.

Per diventare mamma Francesca Vecchioni ha dovuto andare in Olanda, dove nessuno si meraviglia del desiderio di una coppia omosessuale di diventare genitori, trovano strano che non siano sposati:

Abbiamo scelto l’Olanda perché in questo Paese la donazione è considerata un servizio sociale. Chi dona il seme lo fa gratuitamente e non può restare nell’anonimato. Se le nostre figlie vorranno, al compimento del sedicesimo anno potranno conoscere il loro padre biologico. Spero tanto che un giorno potremo sposarci. Potremmo farlo subito, a New York o a Oslo, dove il matrimonio omosessuale è consentito anche alle coppie non residenti. Ma io e Alessandra vogliamo sposarci in Italia. Ormai di famiglie come la nostra ce ne sono tante e non possono essere ignorate.

Chissà che un giorno non possa davvero accadere anche in Italia, per il momento, però, Francesca Vecchioni può solo godersi la sua bella famiglia e le due bambine appena nate e sperare che, prima o poi, anche l’Italia possa cambiare le leggi.