Uno dei maggiori templi dell’arte della Capitale e del mondo, la Galleria Borghese, e Alta Roma, roccaforte dell’Haute Couture, celebrano lo stilista Azzedine Alaïa dedicandogli la mostra “Couture-Sculpture. Azzedine Alaïa in the History of Fashion”, aperta fino al 25 ottobre 2015.

Galleria di immagini: La moda di Azzedine Alaïa alla Galleria Borghese

L’esposizione, curata da Mark Wilson, affianca nel suo percorso i modelli dello stilista, di origini tunisine ma francese di adozione, alle sculture in marmo (e non solo) di Gian Lorenzo Bernini e Canova presenti nella Galleria. Mai più accostamento fu pertinente: Azzedine Alaïa durante la sua carriera ha infatti plasmato (complici gli studi giovanili presso l’Ecole des Beaux-Arts di Tunisi) un corpo nuovo, proprio come uno scultore le cui mani lavorano però chiffon o pelle. Come spiega lo stesso stilista:

Quando mi occupo di un abito, devo girare intorno al corpo, di lato, nella parte posteriore, per poi tornare davanti.

Azzedine Alaïa, la cui visione è strettamente legata al cliente affascinato dai vestiti su misura, a partire da figure leggendarie come Louise de Vilmorin, Arletty o Greta Garbo, ha presentato la sua prima collezione nel 1979, incoraggiato dall’amico Thierry Mugler. Da allora rende la pelle delle donne più vicina, più fragile ma anche più sensuale.

La sua influenza sulla moda contemporanea è indiscussa, e le sue amiche sono anche le ammiratrici più fedeli: tra loro si contano Naomi Campbell, Stephanie Seymour, Linda Spierings, Linda Evangelista, Veronica Webb e Yasmin Le Bon.

Azzedine Alaïa è uno dei pochi couturier a controllare tutte le fasi della produzione di un indumento, dal disegno del modello al drappeggio dei volumi, dal taglio al cucito che doma i tessuti.

Per questo il percorso di “Couture-Sculpture. Azzedine Alaïa in the History of Fashion” è un’occasione unica per immergersi completamente nell’arte a 360°, l’arte che valica i confini convenzionali e riduttivi dello spazio, del tempo, delle discipline e delle mode: Azzedine Alaïa e Gian Lorenzo Bernini a braccetto per tutti gli amanti della bellezza, un evento da non perdere.