Sebbene la sua carriera di cantante e attrice sia alle stelle, sembra che non si possa dire lo stesso di quella da imprenditrice. Per Miley Cyrus, infatti, sono sorti, di recente, alcuni problemi riguardanti la sua collezione di gioielli.

La linea di preziosi, disegnata da Max Azria per il marchio di Miley Cyrus, sembra contenere un’eccessiva quantità di cadmio, un metallo estremamente tossico. La notizia era stata appresa lo scorso febbraio, tramite un inchiesta dell’agenzia Associated Press e dalla multinazionale Wal-Mart, la quale aveva immediatamente interrotto la fornitura dei modelli di Miley Cyrus nei propri negozi.

Tuttavia, non aveva potuto controllare tutti i prodotti già in vendita perché, dichiarava, sarebbe stato troppo difficoltoso vista la sua estesa rete commerciale. Si riservava, così, di condurre dei test di verifica per conto proprio.

Il cadmio è una sostanza altamente cancerogena e un’esposizione prolungata a esso può provocare indebolimento osseo e insufficienza renale.

Inoltre Wal-Mart, che vende questi prodotti esclusivamente online, afferma che i pezzi sono tossici solo se vengono morsi, succhiati o ingeriti, atteggiamenti molto frequenti nei bambini più piccoli.

Per ragioni sconosciute, sembra che i bambini con un’età compresa fra i 6 e gli 11 anni siano maggiormente esposti ai rischi dell’avvelenamento da cadmio. E se si considera che molti dei fan di “Hanna Montana” e, quindi, di Miley Cyrus, sono bambini e adolescenti, è molto più facile comprendere la gravità del problema.

Ecco, qui di seguito, il filmato diffuso dalla Associated Press sull’inchiesta.