Possibili guai giudiziari nell’aria per la mamma della Duchessa di Cambridge Kate Middleton: Carole, infatti, sarebbe colpevole di aver utilizzato una delle frasi più utilizzate nella versione britannica del programma culinario Bake Off.

La madre di Kate, infatti, avrebbe inviato una email ai clienti del suo sito “Party Pieces” annunciando dei nuovi prodotti in arrivo utilizzando nella sua frase la parola “Star Baker”, che nel programma – come per tutte le edizioni – viene utilizzata per identificare il pasticcere più bravo della settimana, scelta che in genere precede l’eliminazione di uno degli aspiranti pasticceri.

Una svista causata dal fatto che probabilmente la stessa Carole non era al corrente che “Star Baker” è stato depositato come marchio dalla Love Production durante lo scorso maggio, ma a quanto pare potrebbe non essere finita qui: i guai infatti potrebbero continuare se, come dichiarato dal Telegraph, la donna verrà accusata dall’azienda di aver violato le regole passando oltre il termine e cercando di ingannare i suoi clienti, facendo sembrare che la stessa potesse avere qualche tipo di legame con il programma.

Un portavoce della Love Productions si sarebbe rifiutato, tuttavia, di far luce sulla vicenda dichiarando se la stessa compagnia avesse effettivamente avvisato la madre della Duchessa. Lo stesso, infatti, si sarebbe limitato a dire: “la protezione della nostra proprietà intellettuale è qualcosa che prendiamo sul serio”, evidenziando nuovamente la loro volontà di non parlare pubblicamente della vicenda.

“Star Bake” non sarebbe l’unica frase appartenente a The Great British Bake Off ad essere stata depositata come marchio: secondo quanto emerge dai documenti trattenuti dall’Intellectual Property Office il 19 maggio Love Production ha inserito anche “Show Stopper” e “On your marks, get set, bake!”.

A quanto pare però non è la prima volta che Carole sarebbe stata accusata di infrangimento di copyright: nel 2012, infatti, avrebbe messo in vendita sempre sul suo sito dei prodotti da festa di James Bond, proprio nel momento in cui il film “Skyfall” con Daniel Craig stava per fare il suo ingresso al cinema. Gli stessi vedevano non solo il logo della pellicola in bella mostra ma anche l’immagine dell’attore: un altro scivolone rimosso dal mercato dopo che la notizia aveva raggiunto tutti i giornali britannici. Lo stesso accadde nel corso dello stesso anno dopo che Carole ha messo in vendita un range di prodotti a tema con le Olimpiadi londinesi del 2012 ed è stata accusata anche dal programma Britain’s Got Talent di aver utilizzato illegalmente il loro logo sul suo sito.