La nail art attraversa i confini del consueto e prende casa nel mondo dell’arte. Suo portavoce è Dzine, poliedrico artista di origine portoricana all’anagrafe conosciuto come Carlos Rolon, che ha deciso di estendere la sua passione investendo il mondo delle unghie e della manicure.

Galleria di immagini: Dzine nail art

La rivisitazione dell’estetica e della nail art sfrutta la contemporaneità della passione di Dzine per il fai da te, con spruzzi di barocco e romanticismo. Un linguaggio moderno che si nutre di bellezza, folklore, spiritualità, fede, concettualità, musica e moda. Un mix esplosivo e importante che reinventa anche la decorazione delle unghie.

La passione per la nail art, la quale possiede origini antichissime egiziane, babilonesi e cinesi durante la dinastia dei Ming, ora diventa un libro chiamato Nailed e pubblicato da The Standard. Presentato durante l’ultima edizione di Art Basel, ha presenziato anche durante la mostra Imperial Nail Salon tenutasi a Miami fino al 18 dicembre.

Dzine appassionato di pietre preziose, oro, colori accesi, eccesso e forza espressiva, vuole attraversare il confine dell’eccesso per dimostrare come anche l’aggressività del barocco possa diventare sinonimo di minimal. Come la sicurezza di un’arte maschile, tracotante e decisa possa essere al contempo delicata. Per questo la nail art diventa il passaporto ufficiale di questa nuova filosofia espressiva, e di questo nuovo modo di interpretare la bellezza. Come lui stesso ammette:

«Chi pratica la nail art lo fa per passione, per il desiderio di decorarsi e di essere più bello. Non è necessario seguire corsi o scuole, basta lasciarsi guidare dalla fantasia: anche per me valgono le stesse regole, sono un artista perché mi piace creare».

Fonte: Vogue