Guardare l’arte con gli occhi di un bambino. Piacerebbe a tutti, per scoprire sfaccettature nascoste, per sognare a occhi aperti, per riuscire a porre quelle domande che, da adulti, sembrerebbero imbarazzanti. Sono in molti a sostenere che i piccoli sono in grado di osservare le cose da un punto di vista privilegiato, senza pregiudizi e condizionamenti di alcun genere.

L’arte è proprio l’ambito ideale per consentire ai bimbi di esprimere ciò che sentono, e che vedono. Pensiamo solo a quanta sorpresa, ed emozione, la visione di un dipinto antico può provocare in un bambino, assolutamente affascinato da colori, forme, luci e ombre.

Galleria di immagini: Bambini e Arte

È per questo che in tutto il mondo proliferano non solo i musei pensati per i bambini, ma anche i laboratori didattici ideatii per i piccoli all’interno delle più celebri strutture museali del pianeta. Sono gli stessi esperti di linguaggio e psicologia infantile, infatti, a promuovere questo tipo di attività tenendo conto delle infinite potenzialità della mente in tenera età, che assorbe facilmente grandi quantità di informazioni rielaborandole anche in futuro.

Un’occasione speciale, a dir poco unica, per avvicinare i bambini all’arte è data dalla Notte dei Musei, un appuntamento annuale al quale partecipano numerosi musei in Italia e in Europa. In questo 2011 l’evento si terrà il 14 maggio, giornata caratterizzata dall’apertura di tantissime strutture museali fino a notte fonda e dallo svolgimento di eventi musicali, percorsi guidati molti dei quali pensati proprio per i più piccoli.

Nelle principali città d’Italia, infatti, sono tante le iniziative dedicate ai bambini ideate proprio per coinvolgere questo particolare pubblico senza annoiarlo, rendendolo partecipe di un’esperienza straordinaria. Nell’ambito della Notte dei Musei, infatti, si terrà anche la “Notte dei Musei di Scienze della Terra”, senza dubbio interessante per gli appassionati di fossili e paleontologia.

Solo per fare qualche esempio, pensiamo a quanto interesse potrebbe suscitare nei bambini la lettura dei capitelli medievali, così ricchi di figure fantastiche, personaggi a volte anche terrificanti ma sicuramente in grado di attirare l’attenzione dei piccoli. E ancora, sulla scia dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia, come potrebbe mancare una visita guidata che racconta le vicende dei garibaldini?

Infine, ecco un’altra iniziativa assolutamente originale. Un castello medievale popolato da creature misteriose da scovare con le torce. Un’esperienza unica per tutta la famiglia.