Prima c’è stata la disintossicazione ai Caraibi, poi la chirurgia plastica al seno, poi le voci di un ritorno in studio col produttore Mark Ronson per lavorare a un nuovo album che uscirà a fine anno. Tuttavia, Amy Winehouse ancora non aveva dato il colpo di grazia alla sua vecchia vita, fatta di eccessi e di abuso di droga.

Molti, infatti, avevano indicato Blake Fielder Civil come la vera ragione del tracollo personale e professionale della cantante di “Back to Black”, eppure Amy non sembrava ancora essere riuscita a troncare del tutto la sua relazione con l’ex marito. O almeno così credevamo, fino a lunedì scorso, quando si è scoperto che la cantante ha voltato pagina anche in amore, grazie al regista Reg Traviss.

A quanto pare la storia fra i due è stata tenuta segreta per lungo tempo ed è stata volutamente resa pubblica solo lunedì durante il Bank Holiday inglese, quando la Winehouse e Traviss si sono fatti fotografare assieme durante un appuntamento galante nel prestigioso quartiere londinese di Mayfair.

Tutto questo è avvenuto mentre Fielder Civil è in rehab dopo un collasso da overdose avuto ultimamente e che, a quanto pare, è stata la ragione per cui Amy ha deciso di prendere definitivamente le distanze dall’ex marito, nonostante quest’ultimo la abbia letteralmente supplicata di tornare assieme a lui.

Reg Traviss sembra, invece, avere tutte le qualità necessarie per poter sostenere la Winehouse in questo periodo particolarmente delicato. È, infatti, un produttore e regista con una solida etica, di cui gli amici della cantante parlano in termini entusiasti e che, soprattutto, incontra i favori del padre della cantante, Mitch Winehouse, che si è detto felicissimo del ragazzo principalmente perché sembra rappresentare la forte decisione della figlia di andare avanti nella sua vita.