L’organizzazione internazionale PETA, da anni impegnata contro lo sfruttamento e l’uccisione delle specie animali, all’inizio del mese di giugno si è dichiarata contraria al nuovo progetto dell’attrice USA Brooke Shields.

La PETA, che spesso ha ingaggiato personaggi pubblici e famosi per promuovere le sue campagne attiviste, proprio grazie alla notorietà delle celebrity, questa volta si schiera decisamente contro l’influenza negativa della Shileds sulla società.

Il motivo è che l’attrice si è recata in Danimarca lo scorso marzo per promuovere la sua nuova linea di cappotti. Alla conferenza stampa, la Shields ha rilasciato delle dichiarazioni su quanto lei ami le pellicce e le pelli. Come se non bastasse, la Shileds ha anche incitato le giovani generazioni a indossare questi capi, perché “sono alla moda”.

E così, il messaggio che si legge dal website dell’organizzazione PETA è il seguente:

Da piccola sognavo di diventare una rock star. O forse una veterinaria. O una regina dei rollerblade. Ma non sognavo di fulminare gli animali analmente con scariche elettrice nelle fabbriche di pellame. Ma a quanto pare, Brooke Shileds lo ha fatto…

Noi capiamo che quando la carriera di qualche attore comincia a perdere colpi, loro fanno di tutto pur di risalire la china, incluso apparire in commercial che sostengono di far ricrescere le vostre ciglia e partecipare a TV show dalla breve durata.

Ma, Brooke, vuoi davvero che il mondo ti ricordi come una “pappona delle pellicce” che si eccita con la pelle morta degli animali addosso?