A quanto pare le sorti di Lindsay Lohan non sono al centro dell’attenzione dei soli giornali scandalistici. Ieri, infatti, l’attrice ha ricevuto un’inattesa quanto inusuale offerta di aiuto, da parte di una delle più importanti associazioni animaliste del mondo.

In seguito all’ammissione della Lohan circa le sue difficoltà economiche, ecco arrivare una proposta concreta da parte della PETA: l’organizzazione per il trattamento etico degli animali. Gli animalisti si sono offerti di pagare il conto dei tre mesi di rehab che la tormentata interprete di “Mean Girls” deve ancora scontare come pena per il suo abuso di droga.

Un portavoce dell’organizzazione ha, infatti, dichiarato che questa si impegnerà a pagare il conto di cinquantamila dollari alla clinica Betty Ford in California, ma a una particolare condizione: Lindsay deve diventare vegetariana. In un comunicato indirizzato direttamente alla star si legge:

Capiamo che stai passando delle difficoltà economiche, per questo scriviamo per farti un’offerta che speriamo vivamente tu considererai. La PETA ti aiuterà a pagare il tuo conto da cinquantamila dollari per curare la dipendenza dalle droghe, se tu riusciarai a liberarti da una sostanza ancora più tossica: la carne.

A dire il vero la proposta è ancora più articolata. L’organizzazione pagherà ventimila dollari se Lindsay rinuncerà alla carne, altri diecimila se adotterà il regime alimentare vegano per il resto del periodo di rehab e altri diecimila se lo manterrà per almeno un anno. È chiaro, a questo punto, che più che un’offerta assolutamente altruistica, la PETA abbia più che altro pensato a un proprio ritorno di immagine. Staremo a vedere a questo punto quale sarà la risposta di Lindsay.