Come del resto è scontato, non sono solo gli uomini ad avere fantasie erotiche ma anche noi appartenenti al gentil sesso ci lasciamo spesso andare a pensieri che fanno evadere dalla “solita routine”, se così si può dire.

La classifica delle dieci fantasie erotiche femminili pubblicata da Askmen potrebbe sorprendere molti per l’estremizzazione di alcuni pensieri che, decisamente, qualcuno potrebbe non condividere.

Secondo il numero 10 e 9 della top ten, molte donne avrebbero come fantasia sessuale quella di dominare o essere dominate, mentre all’ottavo posto vi è l’immedesimazione nei ruoli di insegnante e studente che, a quanto pare, stimola la fantasia di molte.

Proseguendo nella lista, emerge che spesso si pensa a fare sesso con uno sconosciuto, cosa che sappiamo bene quali rischi potrebbe comportare, e secondo quanto rivelano il sesto e il quinto posto, alle donne piacerebbe un ménage à trois, con un’altra donna o con due uomini.

L’inclinazione al voyerismo non è, a quanto pare, relegata solo all’universo maschile, anche noi proviamo gusto a guardare altre persone che fanno sesso, per tanti motivi: è stimolante, eccitante ed è un tabù. Fantasticare sbirciando i vicini dalla finestra o spiare una coppia mentre si scambia tenere effusioni è, dunque, una delle fantasie più frequenti.

Al numero tre della classifica vi è una a dir poco strana e assurda fantasia: quella di essere stuprate. Ora, fantasticare è lecito e non si fa nulla di male, ma si spera si tratti appunto solo di un pensiero, perché noi tutte bene conosciamo i rischi e quando sia aberrante la violenza sessuale e non facciamo altro che ripetere quanto la cosa provochi indignazione e ribrezzo.

Proseguendo con il secondo posto della top ten vi è una fantasia più comune, ovvero l’esibizionismo. Moltissime di noi, infatti, sognerebbero di fare sesso in un luogo pubblico ed essere guardate da altri estranei.

Chiudiamo al primo posto con la fantasia erotica più frequente nel gentil sesso, che riguarderebbe la voglia di lasciarsi andare a spogliarelli privati, fatti appositamente per la gioia del proprio partner e, perché no, anche la nostra.