I benefici dell’acido folico in gravidanza sono stati sottolineati da svariati studi scientifici, che hanno messo in evidenza come la vitamina B9 aiuti a prevenire gravi difetti del tubo neurale nei bambini, primo fra tutti la spina bifida.

Quello che finora non si sapeva, tuttavia, è l’influenza che l’acido folico può avere anche sullo sviluppo cerebrale dei bambini durante la crescita. Una recente ricerca del Norwegian Institute of Public Health, in collaborazione con la Columbia University, ha invece scoperto come assumere questo tipo di vitamina durante la gravidanza, ma anche prima del {#concepimento}, sia fondamentale per prevenire ritardi del linguaggio nei nascituri.

Integrare la dieta con alimenti ricchi di vitamina B9, nonché utilizzare integratori di acido folico, è indispensabile a partire da quattro settimane prima del concepimento fino ai primi due mesi di gestazione. In questo modo, infatti, le probabilità che il bambino possa sviluppare problematiche relative al linguaggio si riducono notevolmente.

Gli studiosi hanno preso in esame un gruppo di donne norvegesi in stato di {#gravidanza}, verificando poi lo stato di salute generale dei figli di entrambi i sessi a tre anni di vita. Comparando i dati, hanno potuto dimostrare come nei bambini nati da madri che non avevano assunto acido folico i casi di gravi ritardi del linguaggio fossero quasi il doppio. Nei bambini, inoltre, queste problematiche sembrano essere molto più comuni rispetto alle bambine.

Christine Roth, autrice dello studio, ha sottolineato come in Norvegia non esista alcuna normativa che prevede l’aggiunta di acido folico ad alcune tipologie di alimenti, come invece accade negli Stati Uniti dove i cereali sono fortificati con supplementi di vitamina B9. Ezra Susser della Columbia University, invece, chiarisce come i benefici dell’acido folico siano evidenti non solo alla nascita, e come una carenza di questa preziosa sostanza possa rendersi visibile nei bambini anche anni dopo il parto.

«La raccomandazione in tutto il mondo è che le donne dovrebbero usare supplementi di folati durante tutti i loro anni riproduttivi. Quello che fai durante la gravidanza è importante non solo per la nascita del bambino, ma anche per il suo successivo sviluppo.»

Attraverso quali alimenti è possibile assumere acido folico? Il fabbisogno giornaliero di vitamina B9 in gravidanza aumenta, e generalmente una donna che desidera un figlio utilizza integratori di folato già nel periodo in cui tenta il concepimento: nella dieta di una futura mamma, invece, non devono mancare cereali integrali, broccoli, verdure a foglia verde e legumi, meglio se consumati freschi usando tempi di cottura molto brevi.

Fonte: CNN