Lady Gaga non è solo solo eclettica, stravagante e potente, ma anche generosa e altruist. La cantante si sente molto vicina ai giovani e soprattutto alle vittime del bullismo, dopo aver dichiarato tempo fa di aver subito lei stessa attacchi di violenza negli anni dell’adolescenza.

Lady Gaga fonda così l’associazione di beneficenza no profit “Born This Way”, che sarà operativa ufficialmente da gennaio 2012. Per il momento è già attivo il sito internet, in cui attraverso un comunicato la fondazione ha precisato che si occuperà di programmi per la responsabilizzazione dei giovani e sostegno psicologico per le vittime di bullismo e abbandono.

Galleria di immagini: Lady Gaga, tutti i suoi look

L’associazione si batterà anche per difendere i diritti degli omosessuali, come la cantante ha sempre fatto (partecipando, ad esempio, al recente Gay Pride mondiale di Roma), pur essendo stata accusata in passato di voler ingraziarsi la popolazione gay per vendere più album.

La nuova creatura della popstar prende il nome dalla hit contenuta nell’omonimo album Born This Way e verrà guidata da Cynthia Germanotta, madre di Lady Gaga. Un progetto comune, che mira a dare sostegno e conforto ai tantissimi giovani che si trovano in situazioni di difficoltà, per aiutarli a inserirsi nella società e a farsi accettare per quelli che sono.

«Sono orgogliosa di annunciare che insieme a mia mamma abbiamo creato la “The Born This Way Foundation” un posto di coraggio, amore e accettazione. Ci proponiamo insieme di riuscire a delineare dei paradigmi di coraggio e gentilezza e di costruire una comunità internazionale che si occupi di incoraggiare i giovani e proteggerli dal bullismo e dall’abbandono».

Sembra che la cantante abbia deciso di aprire la sua fondazione benefica dopo essere venuta a conoscenza del suicidio del 14enne Jamey Rodemeyer, ennesima vittima del bullismo.

«Ho trascorso questi giorni a riflettere, urlare e piangere. Sono furiosa. Faccio fatica a sentire un briciolo d’amore quando la vita di qualcuno viene spazzata via così dalla crudeltà».

Fonte: Just Jared