Lady Gaga torna in video con “The Edge of Glory“, terzo singolo promozionale estratto dall’acclamato “Born This Way“, dopo i successi del brano omonimo dell’album e del chiccheratissimo “Judas“. E lo fa nel modo più semplice possibile, con un filmato scevro da qualsiasi pretesa.

Galleria di immagini: The Edge of Glory, Lady Gaga

Sarà forse per garantirsi un buon passaggio televisivo, considerato come “Judas” sia stato rifiutato da molte TV musicali per il tema borderline tra amore e religione rappresentato, ma in “The Edge of Glory” non ci sono i fasti soliti della Mother Monster. La vediamo infatti immersa in una nebbiosa New York, vestita da immancabile completo sexy tra l’ironico e il bondage, intenta a cantare e a dimenarsi sulle scale antincendio di un palazzo posto in un vicolo oscuro.

Il pezzo di certo non si presta agli scandali soliti della Germanotta, perché tutt’altro che provocatorio: come i little monster già ben sapranno, la canzone parla degli ultimi istanti sulla Terra, di quell’attimo di verità universale che precede la morte. La canzone è stata ispirata dalla dipartita recente del nonno di Gaga, uomo a cui la cantante era particolarmente legata.

Con un simile significato, la popstar non avrebbe potuto di certo lanciarsi nelle solite boutade tra sesso e religione, preferendo invece un approccio più intenso. Ecco quindi che la cantante appare da una finestra illuminata di rosso, la metafora del varco per passare a nuova vita, per vivere la sua epifania prima di solcare con coraggio il confine con la morte, attraversando fisicamente lo stesso spiraglio.

È forse per questo che dal video emerge prepotentemente il rimando a New York, la città in cui Gaga e cresciuta e dove vive tutt’ora. L’artista, infatti, si è sempre rifiutata di spostarsi nella Los Angeles delle star, per rimanere vicina alla sua famiglia, ai suoi affetti e ai luoghi significativi della sua esistenza.

Tuttavia questo omaggio non è sufficiente a riabilitare il video che, almeno a livello di concept, risulta decisamente scarno e scarso. Tanto che, dopo 5 minuti e 28 secondi interminabili, la vera attrice protagonista diventa la scala antincendio. Fortunatamente l’intensità della canzone, nonché la piacevolezza della musica, riabilitano di certo Gaga agli occhi anche dei non appassionati, proprio come è successo durante l’esibizione acustica del pezzo durante l’Europride di Roma.