Per il suo ultimo video “Judas“, che uscirà il 2 maggio, Lady Gaga è stata accusata da tutto il mondo cattolico. Variamente dipinta come blasfema, a caccia di facili vespai solo per depistare l’attenzione dalla sua mancanza di talento, la Germanotta si difende dicendo che in Judas in realtà celebra la fede.

In una recente intervista Lady Gaga ha voluto dire la sua su Judas, in cui interpreta Maria Maddalena in una moderna Gerusalemme, dichiarando che non si tratta affatto di offese alla cultura cattolica o alla Bibbia, ma del contrario:

Galleria di immagini: Lady Gaga blasfema

“Il video essenzialmente suggerisce il fatto che fiducia e tradimento vanno di pari passo. Mette il destino sopra di tutto e stabilisce che gli errori che si fanno nella vita in realtà non sono errori per niente, sono semplicemente una parte che ti permette di raggiungere il tuo potenziale e il tuo destino.”

La Germanotta ha spiegato che ha voluto persino dare un’impronta alla Fellini al suo video:

“Volevo che avesse un’estetica alla film di Fellini, dove gli apostoli sono dei rivoluzionari in una Gerusalemme contemporanea. Ma è più per celebrare la fede che per sfidarla.”

Come sia possibile conoscendo la cantante e la sua propensione alle provocazioni è lei stessa a spiegarlo:

“Judas è una metafora e un’analogia con la fiducia e il tradimento e le cose che ti danno la caccia nella vita, e su come io creda che sia l’oscurità della tua vita che alla fine brilla e illumina la luce più grande che sta sopra di te.”

E in questo passaggio sembra davvero apostolica:

“Una volta qualcuno mi ha detto: “Se non hai ombre allora non sei nella luce”. Perciò la canzone vuole lavare i piedi sia al bene che al male, e capire e perdonare i demoni del passato per poter passare alla grandiosità del tuo futuro. Semplicemente mi piacciono le metafore aggressive, più dure, dense e scure, e anche ai miei fan piacciono di più. Perciò è davvero una metafora aggressiva e impegnativa, ma è solo una metafora.”