Lady Gaga sarebbe una sfruttatrice di assistenti. A dichiararlo è proprio una sua ex collaboratrice, Jennifer O’Neill, che per 13 mesi ha lavorato a stretto contatto con la popstar più chiacchierata del pianeta. La notizia è stata diffusa dal tabloid New York Post.

Lady Gaga quindi sarebbe una vera e propria schiavista, che a detta della O’Neill non terrebbe conto né di orari né di esigenze personali basilari quali quella di mangiare o dormire, anche se per uno stipendio di tutto rispetto: 75.000 dollari l’anno.

Galleria di immagini: Marry The Night, Lady Gaga

L’ex assistente ha raccontato che durante i 13 mesi alle dipendenze della Germanotta doveva occuparsi di tenere a disposizione della popstar tutto ciò che potesse occorrerle 24 ore su 24, dagli asciugamani puliti ai vestiti stravaganti.

La denuncia della donna non si è limitata ai tabloid, ma è finita in tribunale con una richiesta di straordinari per 7.168 ore mai retribuite pari a circa 380.000 dollari.

Ma, a quanto pare, questa non è l’unica voce ad accusare Mother Monster: un’altra ex assistente, Angela Ciemny, avrebbe dichiarato di essere stata costretta a dormire con la cantante molte notti perché questa aveva paura di rimanere sola. Il portavoce della popstar ha nel frattempo respinto tutte le accuse, definendole “prive di contenuto”.

Fonte: TgCom24