Lady Gaga non ha proprio intenzione di smettere di stupire i propri seguaci. Pochissime ore fa, infatti, la Germanotta ha movimentato la mattinata statunitense presentandosi al programma “Good Morning America” in un outfit ispirato ai profilattici, senza però rinunciare alle corna aliene introdotte dal suo ultimo singolo. Non bisogna, tuttavia, pensare al super condom di “Una pallottola spuntata”, bensì a un abito vero e proprio. Lattice e latex, infatti, sono stati sapientemente modellati sul corpo della cantante che, così, ha voluto onorare la lotta all’HIV.

La popstar vincitrice agli ultimi Grammy Awards ha voluto parlare dei successi raggiunti dall’accordo con MAC Cosmetics che, tramite un rossetto appositamente creato, ha raccolto più di 34 milioni di dollari da donare alla ricerca per la sconfitta dell’AIDS. A questa campagna hanno partecipato moltissime artiste, tra cui Cindy Lauper e proprio Lady Gaga.

Galleria di immagini: Lady Gaga Good Morning America

“Vorrei che le persone iniziassero a parlare di HIV con i propri bambini, a parlare dell’AIDS, del sesso protetto. Mia madre mi ha spiegato il sesso quando ero abbastanza piccola e mi ha sempre insegnato a esserne consapevole. Lo dice anche la mia canzone “Born This Way”, “Quando ero piccola mia mamma mi ha detto…”. La prima esperienza che ricordo vividamente con mia madre è proprio quando al mattino mi metteva il suo rossetto e mi spiegava la vita.”

Gaga si è detta molto preoccupata per la continua persistenza dei nuovi contagi da HIV e ha promesso farà di tutto affinché vi sia maggiore informazione in merito a questo rischio sulla salute che, sembra giusto ricordarlo, al momento non prevede alcuna cura definitiva.

Durante la trasmissione, la Germanotta ha colto anche l’occasione di parlare degli ultimi Grammy Awards, specificando come non fosse affatto convinta di vincere. Il premio, perciò, è stata una vera sorpresa e conseguente è stato il suo pianto sul palco.

La diva di “Bad Romance” ha così concluso il proprio intervento:

“Born This Way è dedicata all’amor proprio, e anche il fondo MAC AIDS si basa sull’amor proprio. […] È tutto molto più grande di me: la canzone, quando l’ho scritta, sapevo fosse destinata a raggiungere tantissime persone in tutto il mondo. La cosa che mi ha reso più umile in quest’ultimo weekend è stato vedere i fan fare di tutto con il pezzo e… divertirsi con la musica, sentirsi sollevati e con una sensazione di positività”.