Ci sono problemi di salute molto più gravi dell’alitosi, ma chi soffre di questo disturbo ha il più delle volte un benessere psicologico compromesso. Avere l’alito cattivo infatti mette a rischio rapporti sociali e legami e spinge alle volte le persone colpite a isolarsi. Come combatterlo dunque?

Spesso l’alitosi è legata a una cattiva igiene orale e alla presenza di carie, ma vi possono essere disturbi della digestione, malattie renali, epatiche e diabete che possono avere un grosso peso a tal riguardo. In Israele è stato messa messa a punto una micro capsula che sarebbe in grado di risolvere il problema.

Con una ricerca condotta nello Hillel Yafe May Medical Center, gli scienziati hanno ideato questa capsula grande quanto una comune mentina e dotata di un gradevole sapore alla menta: questa va inserita in bocca e si attiva in soli venti minuti, dopo i quali va a colpire i batteri della lingua, donando alla persona un alito accettabile.

Attualmente questa micro capsula è in fase di sperimentazione e sembra che abbia una durata di alcune ore: non si tratta dunque di un rimedio permanente ma temporaneo, valido oltretutto anche contro le conseguenze derivanti dal fumo.

Ha spiegato Shlomo Barak, uno dei più affermati odontoiatri e chirurghi maxillo-facciali israeliani:

Un’azienda farmaceutica europea si è già dimostrata interessata ai risultati del nostro studio. Considerando che il 50% circa della popolazione mondiale soffre di alitosi questo presidio potrebbe rivelarsi un investimento vantaggioso per l’azienda e per i pazienti che si libererebbero finalmente da un problema che li perseguita da anni.