Ritorna sugli schermi il celebre cartone animato L’Ape Maia, tuttavia non si tratta di repliche. L’anime di successo sarà riproposto in versione tridimensionale nel 2011.

Artefici della rinascita in 3D dell’ape più famosa del piccolo schermo sono Studio 100 Animation, società belga, e Planeta Junior, associata spagnola del gruppo De Agostini.

La nuova Maia sarà più ribelle rispetto a quella del passato, in modo da allinearsi ai gusti dei bambini del Terzo Millennio, abituati a ritmi narrativi più veloci. Gli episodi, infatti, dureranno solo 11 minuti ciascuno. Si tratta, dunque, di un restyling completo per uno degli anime cult degli anni ’70.

L’ape Maia, creata da Nisan Takahashi, è stata una co-produzione nippo-austro-tedesca. Il suo esordio in TV risale al 1975, ma in Italia arrivò solo nel 1979. Rai Uno ottenne un grandissimo successo dalla trasmissione del cartoon, anche grazie alla sigla cantata dall’annunciatrice Katia Svizzero.

Nel 1982 fu realizzata anche una seconda serie. L’anime è un libero adattamento tratto dai racconti dello scrittore tedesco Waldemar Bonsels. Di seguito, una breve anticipazione della nuova produzione: