Un personaggio straordinario il rampollo di casa Fiat, Lapo Elkan, bizzarro quanto basta per finire sulle pagine delle cronache rosa, incurante dei divieti di sosta che lo portano a parcheggiare l’auto dove c’è posto, fossero anche i binari di un tram in pieno centro a Milano, poco importa, lui vince su tutti quanto a stile, anche in caso, senza scomporsi di fronte alle proteste di chi è rimasto bloccato a causa sua.

Al Festival di Cannes si era presentato con la fidanzata cinese, lei era agghindata in bianco e nero, Lapo Elkann era vestito in pendant, vestito bianco con un bavero nero che era impossibile non notare, uno degli abiti più stravaganti che abbia mai indossato che, comunque, aveva un suo stile. Indossato da chiunque altro sarebbe stato orrendo, da lui, pur essendo di dubbio gusto, faceva tendenza.

È lo stile che contraddistingue Lapo Elkann, a confermalo è la rivista Vanity Fair edizione spagnola, che lo ha eletto il più elegante di tutti, superando persino il guru della moda, lo stilista Tom Ford che non ha mai nulla fuori posto, Roger Federer, il numero uno del tennis che non si spettina neanche tirando con la racchetta e il principe Felipe di Borbone. Lapo Elkann vince su tutti nella categoria maschile degli uomini più elegante al mondo.

Per Lapo Elkann non è l’unico riconoscimento, prima di Vanity Fair Spagna di lui si erano accorti Vogue America che nel 2007 lo avevano eletto il più elegante del pianeta e ancora Vanity Fair edizione US nel 2009 lo aveva inserito nella “Hall of Fame” dei “Best Dressed Men”.

Vanity Fair Spagna dà la sua spiegazione:

“Lapo torna a vincere nella categoria maschile dell’attesissima lista delle celebrità più eleganti e meglio vestite del Globo. Il dandy italiano conquista per il suo stile ribelle, superando lo stilista Tom Ford, sempre impeccabile, e il numero uno del tennis Roger Federer, capace di colpire la palla senza spettinarsi”