L’ultimo film diretto da Pola?ski “L’uomo nell’ombra“, presentato al festival di Berlino, ha entusiasmato sia il pubblico che la critica cinematografica. L’applauso nato in maniera del tutto spontaneo al termine della proiezione nella sala, è sembrato soprattutto un incoraggiamento nei confronti del noto cineasta di origini polacche.

Il successo ottenuto in questi giorni dal regista Roman Pola?ski a Berlino, potrebbe risultare per lui davvero una sorta di boccata d’ossigeno, dopo le mille polemiche intorno alle sue eclatanti vicende giudiziarie. È inutile rammentare la vita del regista, che da sempre è caratterizzata da uno stile di vita alterno e scandita da episodi inquietanti, il più eclatante dei quali fu l’assassino della bellissima moglie Sharon Tate, avvenuto per per mano della setta di Charles Manson quando era al suo ottavo mese di gravidanza.

Parole di solidarietà sono arrivate anche dagli attori protagonisti della sua ultima pellicola, che, presenti alla sala stampa, non hanno lesinato elogi nei confronti del regista. Ewan McGregor e Pierce Brosnan, infatti, durante le interviste rituali per la presentazione del film, hanno lodato sia il Pola?ski autore, che le sue doti umane.

L’arresto di Pola?ski, avvenuto nel mese di settembre, ha costretto a proseguire la fase di montaggio del film durante gli arresti domiciliari, A questo punto non resta che augurarsi che “L’uomo nell’ombra”, prosegua il suo cammino artistico lontano da ogni tipo di polemica.