Duro attacco del Tg5 a Wikipedia, la famosa enciclopedia online al cui sviluppo può collaborare chiunque. E proprio la natura libera è finita sotto accusa, perché oltre a essere “ideologizzata” la renderebbe anche “inattendibile“.

Più in particolare, viene criticata l’introduzione di molteplici errori nei dati forniti, con l’aggravante dell’impossibilità di correggerli. Wikipedia viene pubblicizzata come un’enciclopedia gratuita, gestita da utenti volontari e autofinanziata. In realtà, però,

fa finta di essere libera, ma chiede i soldi agli utenti.

Perlomeno questa è l’opinione del Tg5, che fa riferimento a un link in alto alla pagina Web dell’enciclopedia virtuale dove viene mostrato un appello del fondatore Jimm Wales a fare una piccola donazione per contribuire al progetto.

In più, secondo il Tg5 non sarebbe neanche vero che chiunque può dire la sua: alcuni dati non sarebbero modificabili, nonostante forniscano informazioni sbagliate. Così i giornalisti della rete Mediaset hanno invitato i telespettatori a seguire il consiglio di molti professori di diffidare di Wikipedia preferendo la cara vecchia enciclopedia in formato cartaceo, redatta da veri studiosi e professionisti che per anni si sono dedicati alla ricerca e al sapere.

Di seguito il servizio del Tg5, pubblicato su YouTube.