Una piccola diva, ma non parlatele di tacchi a spillo. Laura Esquivel, impostasi al grande pubblico come la protagonista de “Il mondo di Patty“, conferma la propria vocazione di ragazza acqua e sapone, dichiarando di non aver bisogno di tacchi a spillo per sentirsi bella.

Probabilmente, per lei, non vale il detto “altezza mezza bellezza” e in un’intervista al giornale spagnolo La Voz de Galicia ha spiegato il perché di alcune sue scelte di immagine. In altre parole, Laura è così, proprio come noi la vediamo.

Laura ha raccontato:

La prima volta in cui sono stata in TV avevo 8 anni. Mi hanno dato un’opportunità che non potevo neanche immaginare. […] Non voglio vestirmi con i tacchi alti, non ne sento l’esigenza. […] Sembro una signora anziana a dire questo. Ci sono adolescenti che stanno tra le nuvole tutto il giorno, altri che sono al computer. […] La mia famiglia mi ha insegnato che si devono rispettare i genitori. E che devo essere sempre la stessa, al di là della fama. E sono molto fiera dei miei valori.

E in effetti, Laura Esquivel sarebbe l’orgoglio di qualunque genitore: ottimi voti, troppo impegnata per pensare ai ragazzi, tante ore di studio per il canto. Una ragazza controcorrente si direbbe, ma che è stata capace di affascinarci con la sua voce sin dal primo giorno.