Lauren Graham, attrice che ha raggiunto popolarità internazionale grazie al personaggio di Lorelai Gilmore in Una mamma per amica, parla a Entertainment Weekly del suo prossimo ritorno in TV.

La Graham prenderà parte alla produzione del dramma Parenthood della NBC, in un ruolo già ricoperto nel pilot da Maura Tierney. L’entusiasmo per questo nuovo progetto è palese nelle parole dell’attrice, soprattutto se consideriamo la sua assenza di oltre due anni dal piccolo schermo. Inoltre definisce la sceneggiatura del serial TV come “la migliore che io abbia mai letto”, una vera e propria dichiarazione d’amore.

Ma a cosa ha lavorato Lauren Graham durante l’assenza dalla TV?

Sono stata fuori dai giochi per, mi pare, due anni e mezzo. Ho lavorato ad uno show per Broadway, ho fatto anche tre film… mi sono divertita a lavorare freelance. Per questo, nonostante cercassi una serie TV a cui lavorare praticamente da quando ho terminato l’ultima, mi sono sempre detta “aspetta…”. Mi sono divertita grazie alla varietà dei progetti ai quali ho partecipato, è una cosa difficile da abbandonare.

Se si è così divertita a lavorare “in proprio”, come mai torna in un progetto corale?

Beh, è semplicemente perfetto. Come ho detto a Jason Katims (produttore esecutivo), io sono abituata a vedere il mio personaggio in ogni singola pagina della sceneggiatura, ma i miei dramma preferiti erano comunque opere corali. Mi è stata messa davanti la sceneggiatura di Parenthood e ho risposto di sì istintivamente, era semplicemente qualcosa che volevo davvero fare.

Sarah, il personaggio che interpreterà in Parenthood, ha in comune qualcosa con Lorelai Gilmore?

È una donna, probabilmente indossa i jeans. È una mamma single, ok, ma non credo che il tono del serial è lo stesso. La voce di Gilmore Girls (titolo originale di Una mamma per amica) è unica di Amy Sherman-Palladino (ideatrice di Gilmore Girls). Parenthood ha un tono proprio, più maturo e realistico, e non ha tutti quegli elementi bizzarri di Gilmore Girls.

Visto il passaggio di testimone da Maura Tierney, cambierà qualcosa del personaggio?

Ho parlato con Jason Katims, e una delle cose che mi è piaciuta di più di questo lavoro è stato quello che mi ha detto: “voglio davvero sapere cosa ne pensi di questo ruolo”. Stiamo ancora lavorando un po’ al personaggio. Quel che è certo è che io sono interessata ai suoi difetti: per sette anni ho interpretato una donna che tutti avrebbero voluto come mamma. Questa volta sarà diverso, Sarah non è perfetta. È simpatica, intelligente, e ha un gran bel lavoro, ma al tempo stesso è una donna che soffre.