C’è un po’ di trambusto in Paradiso: pare che Paolo Bonolis e Luca Laurenti non saranno più gli unici due attori ad essere sponsor di una marca di caffè in uno scenario paradisiaco.

La Nespresso, azienda svizzera nel settore, ha lanciato una campagna pubblicitaria internazionale in cui il protagonista, l’attore George Clooney, si trova in paradiso per degustare un buonissimo caffè.

La Lavazza, presente nell’aldilà grazie all’agenzia pubblicitaria di Armando Testa, ha chiesto alla Nespresso di non trasmettere lo spot in Italia.

Qualora l’azienda svizzera si rifiutasse, la Lavazza promette di rivolgersi al Giurì della Pubblicità, il giudice privato che si occupa di far osservare e di applicare il Codice di autodisciplina in materia pubblicitaria.

L’amministratore delegato della Lavazza, Gaetano Mele, spiega a TgCom che non gli era mai capitata una situazione del genere:

È una cosa strana e singolare. Mi chiedete se hanno copiato? È difficile non pensarlo. È tutto uguale: l’ambientazione è identica così come l’idea del caffè da Paradiso. Preferisco credere che si tratti di una sfortunata svista e confidiamo nel fatto che, non appena si siano resi conto di essere incorsi in un infortunio, cessino la campagna. Se non lo faranno ci tuteleremo nelle sedi più opportune, ma speriamo di non arrivare a questo. In 40 anni che lavoro nel settore non mi era mai capitata una cosa del genere.