Il lavoro ideale è quello da sempre agognato e, una volta raggiunto, ci si adagia appagati per il traguardo conquistato. Iniziano così una serie di problemi, il giro vita aumenta e la forma fisica lascia a desiderare. Per ovviare a questi problemi esistono alcuni rimedi; in particolare si tratta di scegliere il lavoro che può conciliare entrambi i fattori, ovvero fare un mestiere che soddisfi e tenere uno stile di vita sano ed equilibrato. Tra le professioni ideali che possono dare una mano a unire i due aspetti è da annoverare, senza alcun dubbio, quello di madre a tempo pieno e casalinga.

Anche se l’essere mamma non rientra tra i lavori propriamente detti, impegna la donna per tutto l’arco della giornata, ovvero 24 ore su 24. Star dietro a un bimbo non è facile; tra pannolini, biberon e pulizia degli ambienti domestici si bruciano molte calorie. Rimanendo in tema di bambini, altro lavoro ideale potrebbe essere quello di maestra d’asilo nido, che aiuta a essere fisicamente attive. Per intraprendere questi ultimi lavori a contatto con i bimbi bisogna avere un’attitudine innata e questo aiuta a non sentire la fatica e ad avere risvolti positivi per quanto riguarda la linea.

Altro mestiere dal quale trarre giovamento è il nutrizionista o dietista. Con una buona base teorica di partenza si possono raggiungere i risultati voluti senza troppi sforzi. Un dietista sa sicuramente che il binomio cibo sano e attività fisica quotidiana è quello che ci vuole per tenere il proprio fisico in forma. Rimanendo nell’ambiente medico-sanitario l’altro lavoro che può avere risvolti positivi è quello di infermiera. Il movimento è alla base di questo mestiere; si trascorrono molte ore in piedi andando da una stanza all’altra con pochi momenti di pausa. Inoltre, anche chi fa questo mestiere è a conoscenza delle regole base per uno stile di vita sano.

Tutti i mestieri citati aiutano a mantenersi in forma senza ulteriori sforzi, ma con un pizzico di buona volontà si possono ottenere risultati sulla tonicità del fisico anche se si svolgono altri lavori. Basterebbe variare il proprio stile di vita adottando piccoli accorgimenti anche sul luogo di lavoro: un esempio su tutti è quello di fare le scale piuttosto che prendere l’ascensore. Anche il mezzo di trasporto usato durante il tragitto per raggiungere il luogo di lavoro può subire dei cambiamenti.

In questo caso, se la strada e il traffico lo permettono, è bene usare la bicicletta al posto dell’auto; o meglio ancora, si può raggiungere l’ufficio facendo una passeggiata salutare a piedi. Altri piccoli accorgimenti per non rimanere costantemente seduti dietro la scrivania sono: utilizzare la pausa pranzo per raggiungere un ristorante all’esterno dell’azienda, alzarsi dalla sedia per recarsi dal collega di lavoro senza utilizzare il telefono. Questi e altri esempi possono tornare utili indipendentemente dal lavoro svolto.

Fonte: Galtime