Questa è la tipica notizia che molte donne con bambini vorrebbero sentire, magari a cadenza giornaliera. Non è un segreto che in Italia, almeno per quanto riguarda le donne, la presenza di figli piccoli costituisca spesso una condizione penalizzante in ambito lavorativo. Ma per fortuna, c’è chi va controtendenza mettendo a disposizione posti di lavoro solo per le mamme.

La maternità è un valore aggiuntivo. In poche parole, ecco il concetto alla base di questa iniziativa, portata avanti dalla Maxi Brums, leader nell’abbigliamento per bambini, in collaborazione con Moms@work, servizio di intermediazione professionale di “Gi Group” pensato proprio per le madri.

L’azienda è alla ricerca di personale per i nuovi punti vendita, e ha pensato bene di creare non poche possibilità professionali per le donne con figli. Ma l’intento non è solo quello di aiutare le madri in difficoltà, ma anche quello di formare personale che sia realmente preparato sulla materia, che possa offrire consulenze adeguate.

Con questo concept di store, intendiamo offrire alla clientela un approccio di tipo consulenziale, così da cogliere i bisogni più profondi della mamma e rispondervi in maniera adeguata. E chi può svolgere un compito di questo genere meglio di chi è madre a propria volta?

Ecco come Marco Martegani, direttore generale di Maxi Brums, illustra perfettamente questa idea veramente rivoluzionaria. Per le interessate, è possibile proporre la propria candidatura sul sito MomsAtWork.it. Intanto, non possiamo che sperare che molte altre aziende prendano esempio dalla Brums.

Qui di seguito una carrellata di mamme VIP, che raramente hanno a che fare con agenzie interinali e curricula da spedire.